We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Mandatoriccio (Cosenza) - L'autorità di Gesù


di DON MICHELE ROMANO - Il brano del Vangelo (Mc 1, 21-28), di questa IV Domenica del T. O. (Anno B), ci parla dello "stupore" che Gesù suscita nella Sinagòga di Cafàrnao, nel suo insegnamento (v 22a). È una esperienza, tutto sommato, che dovrebbe continuare a "sorprendere" e caratterizzare, anche tutti noi, nell'Ascolto della sua Parola. Una Parola che ha il potere di scardinare, tutto ciò che è stantìo nella nostra vita, facendoci entrare nella dimensione creativa della "meraviglia", che rende gioiosa e serena la nostra esistenza. "Gesù insegnava come uno che ha autorità, e non come i loro scribi" (v 22b), e se ne rendono conto, davvero tutti: "In primis" la Gente, che nota la differenza del Suo parlare, con il dire degli Scribi e dei Farisei, che Gesù, tuttavia, stigmatizza: "Quanto vi dicono fatelo e osservatelo, ma non fate secondo le loro opere, perché dicono e non fanno" (Mt 23, 3); Se ne accorge anche un povero uomo, in quel momento "posseduto" da uno spirito impuro, che, guarda caso, "gridando" (paradossalmente), proclama la "Verità" su Gesù: "Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio" (v 24). Ma la "Verità" su Gesù, non può e non deve provenire dal "Menzognero", perciò Gesù non accetta quella testimonianza, e lo scaccia da quell'uomo: "Taci! Esci da lui!" (v 25). La vera "Autorità di Gesù", è Liberazione dal male: il suo sguardo si posa sempre sulla sofferenza dell'uomo, si immerge nella sofferenza del "posseduto" e lo libera, restituendogli: Gioia, libertà, e pienezza di dignità! Un'Autorità quella di Gesù, che si basa su questi tre elementi: 1)- Il motivo dell'ammirazione, non è tanto l'Insegnamento (non c'è nessun discorso su Dio o sul Male), quanto, invece, il Maestro, che opera e scuote le coscienze: "Tutti furono presi da timore..." (v 27a), mostrando che "il Vangelo, non è una morale, ma una sconvolgente liberazione" (G. Vannucci). 2)- All'ammirazione personale, dopo la "liberazione" dell'indemoniato, si aggiunge un fattore "dottrinale": "Che è mai questo? Un insegnamento nuovo, dato con autorità? (v 27b). Qui, l'aggettivo qualificativo "nuovo", ci dice chiaramente, che la dottrina di Gesù, è "nuova", cioè comunica qualcosa di mai udito. 3)- Infine, all'autorità del Maestro, e all'autorità del suo Insegnamento, bisogna aggiungere il "Potere" sugli Spiriti del male (v 27c). Sì, Gesù è venuto a "rovinare", tutto ciò che rovina l'uomo, a spezzare le catene della sua autosufficienza. È venuto a purificarci, con "spada e fuoco", per separare e distruggere tutto ciò che non è Amore! A "liberarci" da tutti i desideri sbagliati, da cui siamo "posseduti": denaro, successo, potere, lotte fratricide: "Taci"- Non sedurre più l'uomo; "Esci", dal suo cuore per sempre! Confrontiamoci con questa Parola, che oggi ci interpella in modo particolare: Per me, Gesù, è il Figlio di Dio, Maestro e Signore, che parla anche alla mia vita con autorità? O mi è più comodo e facile, seguire i tanti Farisei (Anche "del nostro tempo"), che "dicono e non fanno?" Non possiamo servire due Padroni: O Dio, o Mammona (la Ricchezza)! Sono anche consapevole, che la mia vera "Ricchezza", è la Parola di Dio, l'unica che può Salvarmi, e dare un senso alla mia vita, liberandomi da ogni pregiudizio e menzogna? Purtroppo, ahimè, tantI ci riteniamo buoni e bravi, solo perché andiamo in Chiesa tutti i giorni (Utinam...!), e
ostentiamo una religiosità, spesso, solo di facciata. Ma dobbiamo essere consapevoli, che non è il "luogo", a renderci "Santi", anche oggi, nelle nostre case, nelle Chiese, negli uffici, ovunque..., può annidarsi la presenza del demonio, e noi non ce ne accorgiamo. Solo se sapremo accogliere e riconoscere l'Autorità di Gesù, nella nostra vita, saremo veramente "liberati da ogni male", perché dove c'è Dio, non ci può essere il demonio! Auguro a tutti, una serena e santa domenica.


di A cura della Parrocchia "San Giuseppe" Mandatoriccio Mare | 28/01/2024

Pubblicità

Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2024 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it