We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Mandatoriccio (Cosenza) - La numerologia biblica: sintesi della salvezza in cifre


di DON MICHELE ROMANO - Anche chi non avesse grande dimestichezza con la Bibbia, in questi giorni stiamo approfondendo i numerI più importanti di cui è costellato il Testo Sacro, e si è potuto rendere conto, che i tanti numeri presenti, spesso non dobbiamo solo computarli quantitativamente, ma leggerli e valutarli anche qualitativamente, cioè come "simboli". Così, ad esempio, nella Genesi, la Creazione dell'Universo, è narrata in sette giorni, e trova il suo apice nello Shabbàt (Sabato) Liturgico, proprio per il fatto che il numero 7, è un segno di pienezza e perfezione (unitamente ai suoi multipli). In questa Luce, comprendiamo: come nell'Apocalisse vengano scelte Sette Chiese; Perché Gesù ci ammonisca di perdonare non sette volte, ma 70 volte 7; Perché l'oro puro sia "raffinato sette volte", come leggiamo nel Salmo 12, 7; Perché 70 siano gli anziani del "senato" costituito da Mosè; 70 siano anche i discepoli inviati in missione da Gesù; settanta siano gli Anni dell'esilio Babilonese, e 70 settimane di anni, scandiscano l'avvento finale del Regno Messianico (Dn 9, 24).
Così al numero 3, abbiamo visto, viene assegnato un valore di pienezza, come appare in modo supremo nella Trinità Cristiana, ma anche in tante altre distinzioni legate nella Bibbia, al suddetto numero: Tre, erano le parti dell'Universo: Cielo, Terra, Inferi; Tre, le Feste principali di Israele: Pasqua, Settimane, Capanne; Tre, le Preghiere, che caratterizzavano la giornata del pio Israelita; Tre giorni (anche se questo computo, è basato solo su frazioni giornaliere, di 12 ore), Gesù rimase nella tomba. Anche il numero 4, evocando i punti cardinali, propone una totalità: Quattro sono gli esseri viventi "misteriosi", che stanno accanto a Dio, secondo l'Apocalisse: un "Tetramòrfo", in cui i volti, sono stati abbinati ai quattro Vangeli: "Uomo alato" (Matteo), "Leone" (Marco), "Bue" (Luca), "Aquila" (Giovanni), così come quattro sono i fiumi che scorrono dall'Eden, e rappresentano tutto il sistema idrografico della terra. È dal 4, poi, che nasce il multiplo 40: Infatti 40 sono i giorni e le notti del Diluvio; Gli anni dell'Esodo di Israele nel deserto; I giorni delle tentazioni di Gesù; I colpi della fustigazione del condannato, e così via! Altrettanto significativo, abbiamo già approfondito, è il numero 12, che ritroviamo nelle Tribù di Israele, nel parallelo degli Apostoli di Gesù, e nel multiplo di 144.000: 12×12×1000, degli "eletti" dell'Apocalisse. Nel tardo Giudaismo, poi, appare una particolare numerologia, chiamata "gematrìa", che cercava di intuire il significato recondito e segreto delle parole, basandosi sulla corrispondenza numerica delle lettere. Questo esercizio confluirà nella cosiddetta Càbala, Tradizione, una teoria mistica tutta giudaica, che a partire dal XII secolo, ha lasciato traccia nei vari movimenti esoterici, e le varie forme popolari, anche contemporanee. Un esempio celebre di "Gematria Cristiana", è il famoso 666, il "Numero della Bestia", proposto dall'Apocalisse 13, 18). Ovviamente, si tratta di un multiplo di 6, il numero "imperfetto" per eccellenza, dato che esso rappresenta il 7, privato di un'unità, e il 12, dimezzato! La decifrazione più comune, di questo numero 6, concentrato di "limite ed imperfezione", il cui valore "gematrico" ha conosciuto varie interpretazioni, vede in esso, la somma dei valori numerici, legato al nome di "Nerone Cesare", trascritto in ebraico come:
NRWN QSR, dove: N= 50+ R 200+ W6+ N50+ W100+ S60+ R 200 = 666, ovvero, il grande Persecutore dei Cristiani. Concludendo questa meravigliosa dissertazione, diciamo pure, che alla base di tutta la "numerologia biblica" rimane, comunque, la convinzione che il Signore, come leggiamo nel Libro della Sapienza: "Tu hai disposto ogni cosa con misura, calcolo e peso" (Sap 11, 20b, ha realizzato, cioè, il suo Progetto di Amore, unicamente per la nostra salvezza! Ringraziandovi per la cortese attenzione, e sperando che tutto questo approfondimento, sia stato di aiuto per la comune crescita nella fede, vi auguro una Vita serena, sostenuta, ed accompagnata, dalla Benedizione di Dio.


di A cura della Parrocchia "San Giuseppe" Mandatoriccio Mare | 25/01/2024

Pubblicità

Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2024 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it