We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - Chi semina raccoglie. Si raccoglie ciò che si semina


di LETIZIA GUAGLIARDI - “Non giudicare ciascun giorno in base al raccolto che hai ottenuto, ma dai semi che hai piantato” (Robert L. Stevenson). Mi piace questa affermazione, così tanto che, ogni giorno, mi concentro soprattutto su ciò che semino, poi su quello che ho raccolto…se ho raccolto. Perché dalla cura della prima fase dipende la buona riuscita della seconda.

Nel pomeriggio dello scorso 17 dicembre, ad esempio, io e tutti quelli che hanno collaborato alla realizzazione della festa di Natale per i bambini abbiamo seminato tanto: amore, gioia, entusiasmo, impegno e molto altro.

Eravamo in tanti: i piccoli alunni della 3 C della Scuola Primaria “Monachelle” di Rossano con la loro maestra Maria Antonietta Ruperto, le loro mamme e nonne, altri bambini, io con il mio laboratorio di scrittura creativa “Io scrivo con letizia” e alcuni dei membri della Chiesa Evangelica “Bethel” di Rossano, nei cui locali si è svolta la bellissima festa: mia sorella Daniela, Beatrice, Egle, Assunta, Pina, Flora e Luigi.

Una festa piena di giochi e sfide, di balli di gruppo, di cori natalizi e di un piccolo e utile dono per ogni bambino. Alla fine, una fantastica merenda, ampiamente meritata da tutti noi.

È stato emozionante condividere tutti insieme, piccoli e grandi, la gioia di tanti momenti divertenti ma anche pieni di creatività e di spunti di riflessione. I bambini hanno visto con i loro occhi che tutta la festa è stata realizzata attraverso un vero gioco di squadra in cui ognuno ha messo a disposizione il proprio talento e che è molto bello apprezzare le piccole cose, vivere con serenità questo periodo di attesa e persino fantasticare.

Noi adulti ci siamo lasciati contagiare dall’eccitazione e dalla spontaneità dei bambini, abbiamo riso, ballato e cantato e abbiamo tifato per loro quando erano impegnati nei vari giochi (statici e di movimento). Ogni bambino ha letto la propria riflessione su: cos’è il Natale per me e ci siamo emozionati per la profondità dei loro pensieri.

Io ho raccontato la storia della stellina che doveva illuminare la strada che portava alla stalla della Natività ma che, essendo troppo piccola e poco luminosa, chiese la collaborazione delle sue amiche e, tutte insieme, formarono una grande e sfolgorante stella cometa. Prima riflessione: anche se a volte ci sentiamo piccoli e inadeguati, insieme agli altri possiamo raggiungere il nostro obiettivo. Seconda riflessione: ognuno di noi, in quello che fa, deve brillare e non deve permettere che la propria luce venga offuscata da persone, esperienze e circostanze negative. Per il bene nostro e di tutti quelli che ci stanno intorno.

In agricoltura, lo sappiamo, seminare ha come conseguenza un raccolto. E questo vale anche nella nostra vita. Ieri abbiamo piantato tanti semi e questo ci rende soddisfatti e pieni di gioia. Cosa abbiamo raccolto? Sicuramente, nell’immediato, tanti sguardi sorpresi, tanti cuori colmi di gioia, tanti sorrisi e risate e tante parole di gratitudine per aver trascorso un pomeriggio sereno e creativo (e non è poco, a ben vedere). Così creativo che addirittura uno dei bambini – Mario – ha coniato, improvvisamente, mentre parlava entusiasta al microfono, una nuova parola: SPLENDIOSA. Ha detto proprio così: è stata una festa splendiosa! Inconsapevolmente ha unito due bellissimi aggettivi: splendida e radiosa. E potrebbe anche voler dire…splendi e osa! Già prevedo che usciranno altre cose così belle quando – a febbraio – inizierò il mio lab. di scrittura creativa nella classe di questi bambini.

  “Or questo dico: Chi semina scarsamente mieterà altresì scarsamente; e chi semina generosamente mieterà altresì abbondantemente.” (2 Corinzi 9:6)

“Non v’ingannate, Dio non si può beffare, perché ciò che l’uomo semina quello pure raccoglierà.” (Galati 6:7)

“Chi semina iniquità raccoglierà guai” (Salomone, Proverbi 22:8)

Sono grata a tutte le persone menzionate prima e aggiungo un grazie speciale al Pastore Stefano Rugna per averci dato la possibilità di svolgere questa festa nei locali della Chiesa Evangelica “Bethel” di Rossano.

Ma, sopra tutti, ringrazio Dio perché anche stavolta – e per più di due ore – mi ha dato la gioia e il privilegio di avere di nuovo otto anni, come la maggior parte dei bambini che hanno partecipato alla nostra festa.


di Letizia Guagliardi | 21/12/2022

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno studio sociologia Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2023 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it