We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Mandatoriccio (Cosenza) - "Dio è Dio dei Viventi!"


di DON MICHELE ROMANO - Il Vangelo di questa XXXII Domenica del T.O. (Lc 20, 27- 38), ci mostra tutta la nostra "insipienza", allorquando, al par dei Sadducei, i quali sostengono che non c'è Resurrezione (v 27), poniamo al Signore domande, che è proprio il caso di definire insensate, che cioè, non stanno "né in cielo, né in terra". Ovvero, questo accade quando pensiamo di risolvere problematiche che riguardano l'Aldilà, con criteri tipici delle nostre relazioni umane. Ma il futuro nel Regno di Dio, è tutt'altro: spesso dimentichiamo che esistono "altre prospettive" di vita, e che la nostra esistenza terrena, è solo una tappa provvisoria verso questa vita futura, nel Regno dei Risorti. Perché, negare la Risurrezione dei morti, equivale a dire che neanche Cristo è Risorto, e questo rende vuota la nostra stessa predicazione, così come vuota sarebbe la nostra stessa Fede (1 Cor 15, 14). Gli astuti Sadducei costruiscono "ad arte", un caso limite (vv 29-33), per mettere Gesù in difficoltà, facendo ricorso alla famosa legge del Levirato, citata nella Toràh (v 28), che autorizzava un uomo a prendere in moglie la vedova di suo fratello, rimasta senza figli. In virtù di questa legge (Vedi il caso proposto di questa donna, che è stata la moglie di sette fratelli!), pongono a Gesù questa cinica domanda: "Alla Risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l'hanno avuto in moglie?" (v 33). In Cielo, chiarisce Gesù, ci ameremo tutti in sommo grado, scompariranno invidie, gelosie, discriminazioni, rapporti parentali, infatti: "Quelli che saranno giudicati degni della vita futura e della Risurrezione dei morti, non prendono né moglie né marito" (vv 34-35). Consapevoli dei nostri "dubbi" e delle nostre titubanze, il Signore ci assicura che, dopo la nostra morte, al di là della distruzione del nostro corpo (E di questo mondo passeggero!), ci saranno "Cieli nuovi e Terra nuova". Gesù, ancora, per vincere la loro ignoranza, cita anche Mosè: "Che poi i morti risorgono, lo ha indicato anche Mosè a proposito del roveto, quando dice: "Il Signore è il Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe. Dio non è dei morti, ma dei viventi; perché tutti vivono per lui" (v 37-38). Gesù, in questa diatriba con i Sadducei, che poi, vedremo, raggiungerà il suo apice, nell'affermazione che troviamo nel brano parallelo di Matteo: "Vi ingannate, perché non conoscete né la Scrittura e neppure la potenza di Dio" (Mt 22, 29), fa capire che loro, i Sadducei, avevano ridotto la Religione ad un insieme di norme e precetti, senza alcuna prospettiva "futura", invece Lui, ci testimonia che il Dio della Vita, offre a tutti coloro che ne sono degni, "e benedetti dal Padre" (Mt 25, 34), una certezza meravigliosa: un futuro di Risurrezione, candidati del suo Regno, per condividerne la Gloria. Una santa Domenica.


di Parr. S. Giuseppe Mandatoriccio Mare | 02/11/2022

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it