We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Mandatoriccio (Cosenza) - Accogliere


di DON MICHELE ROMANO - Giovanni è l'unico tra gli Evangelisti, a cominciare il  suo Vangelo (Gv 1,1-18), non con un racconto,ma con un "Inno Cristologico", capace di farci "intra-vedere" il misterioso Progetto di Dio, Signore del tempo e dello spazio :" In Principio" era il Verbo... e il Verbo era Dio (Gv 1,1).
"In Principio" - "Bereshìt", è  così che comincia anche la Bibbia (Gen 1, 1), come a stigmatizzare il "punto sorgivo", da cui tutto ha inizio e senso.
Un Principio, che non dobbiamo intendere in senso "cronologico", ma in senso "basale", dove tutto, cioè, trova fondamento in Dio :"Senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste" (Gv 1,3b). Perciò, penso che non sia il caso, di "assolutizzare" tutte quelle Teorie, cosiddette "scientifiche", come quella del Caos, del Big Bang , ecc. , perché se una "Esplosione" c'è stata, è stata sicuramente una Esplosione di Amore e di Bene ("Dio vide che tutto era cosa buona (Gen 1, 1-31), a dare origine all'Universo. 
Dalla perfezione di una stella, al più piccolo filo d'erba, o all'ultimo animaletto del bosco, tutto è stato "plasmato" dalle Sue mani ! Ecco perché mettere Dio "in Principio", significa anche metterlo all'Inizio e alla Fine di tutto ("Io sono l'Alfa e l'Omèga, il Principio e la Fine (Ap 21, 6a). Gesù non è venuto a portarci una nuova "teoria religiosa", o un nuovo dato evolutivo della scienza, ma a comunicarci la Vita (Col desiderio di una Vita-Oltre, al di là della morte).
È quì il fondamento del suo Natale : La Vita di Dio in noi ! Gesù non ha disdegnato di farsi "Carne",  creta, fragilità, Bambino impotente, bisognoso di latte e di carezze, fino a diventare "Agnello" inchiodato sulla Croce, dove ha voluto accogliere ed abbracciare il grido di dolore dell'intera umanità!
Eppure :"Venne fra i suoi e i suoi non lo hanno accolto" (Gv 1,11).
 Dio non merita tutto questo. Forse è il caso di chiederGli  perdono, per la nostra "Ingratitudine" ! Propositiamo, quindi, di "Accoglierlo" nella nostra Vita, in una scelta di libertà consapevole .
Si sa, che si accoglie solo, ciò che dà gioia :"A quanti però lo hanno accolto, ha dato potere di diventare figli di Dio (Gv 1,12a) . Ecco, Dio ci dà la gioia più grande : La potenza "gioiosa", di diventare ciò che siamo :"Figli di Dio" - Figli dell'Amore e della Luce (I due Nomi più belli di Gesù).
Il Signore è nato, perché anche noi rinasciamo, in maniera nuova e diversa (Il Battesimo ci ha fatto dono di questa grande Verità).
Oggi si conclude un Anno, che resterà per sempre nella Storia, come il più carico di sofferenza, a causa della Pandemia : Quanti bilanci, quante previsioni, quanta rassegnazione, purtroppo, nel cuore di tanti...! Sarà solo nella misura in cui avremmo saputo accogliere Dio, aprendogli la nostra "Porta" (E non dimentichiamo, quanto ci precisa Santa Teresa d'Avila :" Che la porta del cuore di ogni uomo, ha solo la maniglia "interna"),
ecco perché Gesù può dire :" Sto alla porta e busso"( Ap 3, 20a), solo se Gli permetteremo di "entrare" nella nostra Vita, nei nostri progetti, nei nostri pensieri più intimi, allora sì che la nostra esistenza si "Illuminerà di Luce", unitamente al nuovo Progetto di vita  per il venturo Anno, che stiamo per cominciare. Buona conclusione d'anno a tutti.


di Parr. S. Giuseppe Mandatoriccio Mare | 31/12/2021

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it