We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rende (Cosenza) - Storie di rinascite: il borgo antico ha di nuovo un bar


di PAOLA PERRI - Storie di rinascite: il borgo antico di Rende ha di nuovo un bar. Ci sono degli eventi ordinari che in speciali  luoghi diventano azioni, è il caso di dire, uniche. E capita quindi che in un borgo quasi incantato, ad alto tasso di spopolamento e senza quasi più esercizi commerciali (se non ristoranti-pizzerie), aprire  un bar diventa un’azione coraggiosa e simbolica. Specie quando questo è l'unico bar.

Nel borgo antico di Rende, è stato domenica 14 aprile salutato a festa il taglio del nastro del primo bar di quella che può essere la nuova stagione di vita di un centro storico ricco di tradizioni e bellezza ancora da raccontare.

Il valore e il significato della festa di domenica raccontato dalla proprietaria, rientrata dopo vent’anni nel suo paese ritrovato vuoto:

Cosa significa oggi questa apertura per lei e per l’intera comunità?

“Oggi rappresenta una rinascita. Sono tornata quattro mesi fa in Calabria e ho trovato il mio paesino bellissimo ma vuoto. E questo mi ha rattristata veramente tanto e così ho deciso di COMINCIARE IO:  

a mettere il primo sassolino perché altri, uno sull’altro, potessero essere posti; perché da oggi altri possano seguirmi;  il nostro è un centro bellissimo e merita di rinascere veramente.”

Il centro storico di Rende, uno dei posti più belli e più vivi fino a qualche decennio fa.

 “Si faceva tutto a Rende, con i servizi che offriva. Non c’era mai parcheggio per il movimento che popolava il centro”

Cosa è successo poi, lo narra ancora la coraggiosa proprietaria.

“Forse saranno anche state fatte delle scelte sbagliate ma ora non si deve guardare al passato, e non serve polemizzare, ognuno ha vissuto com’è andata la storia di Rende, bisogna guardare avanti, pensare al futuro: la nostra energia per il futuro.”

Lo spirito giusto! Il cambiamento vero parte sempre dalla “base”, dai piccoli coraggiosi passi, dalla partecipazione. Cosa offrirà il locale ai cittadini e ci auguriamo ai tanti turisti?

“Questo locale aprirà prestissimo, per i pendolari e ragazzi che vanno a scuola, e chiuderà tardissimo con l’intrattenimento specie nei week end; e poi feste, eventi, sagre ed altra offerta”

Qui a Rende vecchia è sopravvissuta l’offerta nella ristorazione, diversi sono i ristoranti anche di pregio. Lavorerete in sinergia su un ‘offerta più completa?

“Speriamo di fare da spalla ai locali per dare una mano anche a loro”

Ha fiducia e speranza che questo borgo possa ritrovare vitalità, ripopolarsi ed essere ancora scelto come meta turistica?

“Si, amo il mio paese e voglio vederlo nascere ancora. Sarà ancora più bello di com’era”

Cosa servirebbe, secondo lei, oltre al metter su delle attività commerciali? Quali i punti di ripartenza di un borgo spopolato? 

“Sicuramente le attività commerciali sono il punto di partenza. E poi l’organizzazione dell’offerta turistica dovrebbe puntare a fare del borgo un attrattore di presenze con tutte le peculiarità di cui è portatore.

Anche i giovani lo ripopoleranno in quanto ci saranno delle attrattive. Io vedo molto il borgo come un centro turistico da curare sotto questo aspetto

A poco servono altre parole, programmi,  propositi  senza la determinazione, il coraggio e l’amore  che producono dal “basso” le azioni generative di valore e cambiamento.

E che rendono luoghi e processi ancora significativi perché partecipati.

Da dove ricominciare? Da Arintha, che contiene magia e realtà imprescindibile dal noi, dalla responsabilità collettiva, dall’appartenenza. Auguri a chi riscommette e rimette in gioco il possibile.

 


di Paola Perri | 16/04/2019

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it