We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Pavia (Pavia) - Università, oggi Pavia consegna l’attestato ai primi studenti arabi


Cerimonia conclusiva, oggi, venerdì 29 luglio alle ore 11, presso la Ex-Chiesetta San Felice – Via San Felice,5, Facoltà di Economia, del “Foundation Year Study Programme for Saudi Arabian Students”, progetto attivato per la prima volta in Italia dall’Università di Pavia e dal Ministero dell’Educazione Superiore Saudita. Durante l’evento, verranno consegnati gli attestati di partecipazione ai 20 studenti sauditi che hanno trascorso 7 mesi di studio a Pavia. Dopo il Benvenuto del Pro-Rettore per le Relazioni Internazionali, prof. Gianni Vaggi, interverranno la prof.ssa Orsetta Zuffardi, Preside Vicario della Facoltà di Medicina e Chirurgia e il Coordinatore istituzionale per i rapporti tra l’Ateneo pavese e l’Arabia Saudita, prof. Gian Battista Parigi. Sarà presente il Dott. Fauad Mougharbel, dell’Ufficio Culturale dell’ Ambasciata del Regno dell’Arabia Saudita in Italia. “L’idea di attivare una scuola di preparazione –afferma il professor Parigi– alla Facoltà di Medicina per studenti sauditi è nata due anni fa, durante la prima partecipazione dell’Università di Pavia alla International Exhibition and Conference on Higher Education  svoltasi a Riyadh nel gennaio 2010”. Alcuni anni fa, analoghe iniziative sono state attivate in Giappone, Corea del Sud e Paesi europei con la partecipazione di poche decine di studenti. Nel giro di pochi anni, ne sono stati coinvolti centinaia. Nei ultimi decenni,infatti, l’Arabia Saudita ha investito notevolmente nel campo dell’educazione superiore. Attualmente il Governo saudita offre circa 20.000 borse di studio -le King Abdullah Scholarship- per l’iscrizione dei giovani sauditi negli migliori atenei di tutto il mondo. Il governo ha ritenuto di poter attivare un primo corso Foundation Year Study Programme a Pavia, come Ateneo-pilota, rivolto a ragazzi desiderosi di intraprendere la professione medica. L’obiettivo è, tuttavia, molto più ampio: non solo estenderlo ad altre facoltà, come Ingegneria o Scienze, ma di portare l’esperienza in altre Università italiane, nell’ottica della politica di internazionalizzazione del sistema educativo italiano. Nei primi mesi, gli studenti si sono impegnati in corsi intensivi di italiano e di inglese, nella seconda parte si sono concentrati sullo studio di materie scientifiche come la chimica, la fisica e la logica matematica, materie su cui verterà l’esame di ammissione alla facoltà di Medicina. Non da ultimo, l’Università ha organizzato alcune uscite didattiche – il cosiddetto corso “Italia dal Vivo”- nei luoghi di eccellenza dell’Italia, per poter far conoscere ai ragazzi la cultura e la storia del nostro paese: da Venezia al Lago Maggiore, dal Teatro La Scala al Museo della Ferrari. L’esperienza di quest’anno è stata molto soddisfacente sia dal punto di vista didattico che di arricchimento culturale reciproco. Gli studenti sauditi torneranno a Pavia per sostenere l’esame di ammissione al corso di laurea magistrale in  Medicine and Surgery, tenuto da 3 anni interamente in lingua inglese. L’Università di Pavia ora sta lavorando per far avviare un Foundation Year Study Programme -2 che dovrebbe partire nel gennaio 2012 con un gruppo più numeroso di studenti, inoltre esiste un dialogo con alcuni atenei sauditi per attivare una serie di progetti di ricerca nei campi di interesse comuni.

di Redazione | 29/07/2011

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it