We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Paola (Cosenza) - Notte di musei e di ginestre a Badia di Paola per il prof. Filippelli di Mirto - Crosia


Continua incessante e fruttuosa l’opera di divulgazione e formazione  riguardante la lavorazione della ginestra per usi tessili e della sua ripresa produttiva, del prof. Pasquale Filippelli, Perito Tessile ed esperto  di fibre naturali, nativo di Bocchigliero (CS) che ormai vive da anni a Mirto-Crosia (CS).  In occasione della notte dei musei, svolta nei giorni scorsi, nel suggestivo complesso Monastico in località Badia, tra S. Lucido e Paola in provincia di Cosenza, l’Associazione AUSER di Paola (CS) ha organizzato, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale di Paola, una serie di eventi mirati alla riscoperta e valorizzazione delle tradizioni locali di grande interesse socio-economico-culturale. La struttura, ben conservata e ristrutturata, costruita nei primi anni del sec XII dai monaci dell’Ordine di S.Maria di Valle di Josaphat sorto in Palestina durante le crociate, è ubicata sulla parte alta della costa Tirrenica   dove si specchia in un mare limpido e dai colori decisi dell’azzurro e del verde. Il Monastero  ospita attualmente un’esposizione di strumenti musicali tradizionali ma  è destinata a diventare museo archeologico. L’Associazione Auser, con il suo attivo presidente Francesco Melchionda che coordina con pazienza e competenza gli eventi, gestisce la struttura con le varie attività come le mostre, i convegni, le visite istruttive, i percorsi naturalistici curati dall’esperta guida d.ssa Irene Crea, e tanti altri momenti di notevole interesse storico-antropologico. Per la notte del 14 maggio, un numeroso ed eterogeneo pubblico, proveniente anche da fuori provincia, ha potuto visitare il museo, assistere alla presentazione di un opuscolo dal titolo “il legno nella costruzione degli strumenti musicali”  ed a seguire il  convegno sulla  “Ginestra”. A relazionare sulla pianta odorosa sono stati il Prof. Filippelli ed il prof. R. Condino, quest’ultimo  ha tracciato un quadro abbastanza esauriente e preciso sotto l’aspetto botanico, storico e di importanza socio-economico che ha avuto questo arbusto, dai molteplici utilizzi, nella società locale fino agli anni 60. Il prof. Condino ha ribadito inoltre che è volontà dell’AUSER, cosi come dell’Amministrazione comunale di Paola, di cui egli stesso è  consigliere, riscoprire, valorizzare e riprendere la lavorazione della ginestra per usi tessili e tintori, organizzando corsi di formazione ad hoc sotto la guida dell’esperto prof.Filippelli che ha definito il “Guru” della ginestra sulla costa Ionica così come lo è Enzo Monaco per il peperoncino sulla costa Tirrenica. Il prof. Filippelli, invece, ha parlato dell’aspetto  tecnico e metodologico dell’estrazione della fibra tessile dalle vermene di ginestra e da questa alla formazione del filato fino alla tessitura. Ha ragionato anche sui vantaggi dei coloranti naturali come quelli che si estraggono dai fiori e dai giunchi della ginestra ed ha rimarcato con enfasi la necessità di utilizzare le fibre naturali rispetto a quelle sintetiche per i molteplici benefici che si possono ottenere, sia se si usano per l’abbigliamento sia l’arredamento. Filippelli si è anche dichiarato disponibile per una fattiva collaborazione con l’Associazione Auser, per organizzare e tenere lezioni teorico-pratiche sulla lavorazione della ginestra per usi tessili, sulla filatura, sulla tintura naturale e sulla tessitura artistica. Molto apprezzato è stato  il  video  sulla lavorazione della ginestra, realizzato   dal Filippelli e proiettato alla fine del convegno, cosi come anche l’esposizione allestita in una stanza del museo riguardante filati di ginestra tinti al naturale, tessuti antichi e nuovi  di ginestra e attrezzi vari riguardanti il settore tessile. Ma quello che ha maggiormente catturato la curiosità e l’attenzione dei numerosi visitatori di tutte le età, specie i bambini, è stato un piccolo telaio didattico, costruito dal Filippelli, dove chiunque ha potuto cimentarsi nel tessere una tela molto particolare di pura ginestra. Anche l’insegnante Katya Cilento (in foto) dell’Istituto comprensivo di S.Lucido (CS) e vice presidente dell’Associazione “Storiarte” di Paola (CS), non ha resistito all’attrazione   del telaio ed ha voluto provare a tessere “l’intrigante e arcana”  tela di ginestra, dichiarando che è stato sempre un suo desiderio imparare quest’arte che oltre ad offrire opportunità di esprimersi artisticamente, produce notevoli effetti benefici e di rilassamento psicofisico, una sorta di “Penelopeterapia”.

di Redazione | 06/06/2011

Pubblicità

Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2024 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it