We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Cosenza (Cosenza) - Coldiretti Cosenza agli universitari “consumate succo di arancia anziché aranciate senza succo”


Con l’inizio dei primi caldi gli studenti dell’Università della Calabria, alle prese con gli impegnativi esami per ciascuna facoltà, necessitano di nutrirsi con frutta e cibi freschi. Ancora oggi, purtroppo, su molte piante di agrumi della regione giacciono arance non raccolte per via di dinamiche di un mercato “strano” che premia più il prodotto industrializzato “senza succo di arancia” che quello italiano a Kmzero. La legge – sottolinea Francesco Manzari, direttore provinciale Coldiretti Cosenza - permette difatti che nelle aranciate è possibile mettere molta più acqua che succo e che le bevande al gusto di agrumi possono essere colorate a condizione che esse contengano appena il 12 per cento di succo di agrumi vero. Il risultato - sottolinea Manzari - è che i consumatori pagano l'acqua come fosse succo di arancia. A tal fine lunedì 30 maggio dalle 9.30 Giovani Impresa Coldiretti Cosenza organizza sul Ponte Bucci dell’Università della Calabria, una maxispremuta con raccolta firme per chiedere una modifica della legge con l'introduzione dell'origine del succo utilizzato nelle aranciate e nei succhi di frutta. L’obiettivo della petizione popolare - conclude Manzari - è di apportare fra l’altro delle modifiche alla Legge N. 286/1961 per aumentare dal 12% al 16% il succo naturale concentrato nelle bibite.   La petizione popolare è un’'iniziativa lanciata da Coldiretti – afferma Paolo Sessa, delegato provinciale di Giovani Impresa - per sottolineare come in un litro di aranciata che viene venduto mediamente a 1,30 euro ci sono solo 3 centesimi di arance che peraltro spesso vengono 'spacciate' come Made in Italy anche se provengono dal Brasile o dalla Florida.   I giovani di Coldiretti Cosenza – conclude Paolo Sessa - si confronteranno con gli studenti del più grande ateneo calabrese sulle prospettive di un  importante settore del comparto agroalimentare calabrese, quello agrumicolo, con l’obiettivo di rilanciare un’azione sindacale che veda i giovani sempre più protagonisti del cambiamento e sempre più protagonisti nel progetto della filiera italiana.

di Redazione | 29/05/2011

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno studio sociologia Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it