We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Sezze (Latina) - Provincia di Latina “I Venerdì Letterari al Museo Archeologico” presenta: “Le lacrime dei filosofi”.


Venerdì 6 maggio, alle ore 18, presso il Museo Archeologico di Sezze, sarà presentato il libro “Le lacrime dei filosofi” di Giuseppe Cantarano, nell’ambito della rassegna de “I Venerdì letterari al Museo Archeologico”. “A cos’altro tende l’intera storia della filosofia occidentale se non a rassicurarci che tutto ciò che esiste non è destinato a finire per sempre? A immunizzarci dalla paura della morte? – spiega  Cantarano - Certo è la meraviglia, lo stupore dell’esistenza a suscitare la curiositas dei filosofi. Ma all’ombra di quella meraviglia c’è il terrore, l’angoscia per l’annientamento di tutto ciò che esiste. Ecco perché l’intera storia della filosofia può essere riletta non a partire dallo stupore di fronte all’essere, alla natura, al divenire, alla vita, ma dalla paura che ciò che è diventi nulla. Dal terrore che la vita sia inghiottita per sempre dalla morte. Se nella teologia cristiana è la fede nella resurrezione dei corpi a rispondere alla questione ultima, nella filosofia è invece la fede nel logos a garantirci che niente di ciò che esiste andrà definitivamente perduto. O almeno questo disperatamente sperano, con gli occhi pieni di lacrime, i filosofi”. L’autore, quindi, traccia un percorso di rilettura della filosofia, cercando di rintracciare nella sua storia l’idea di salvezza. Giuseppe Cantarano insegna “Storia della Filosofia” presso l’Università della Calabria. E’ segretario nazionale del “Centro per la Filosofia Italiana” e collabora regolarmente con l’“Unità”, “Il Riformista”, e “Il Giornale”. Tra le sue pubblicazioni: Immagini del nulla, La filosofia italiana contemporanea (Milano 1998), L’Antipolitica, Viaggio nell’Italia del disincanto (Roma 2000), La comunità impolitica (Troina 2003), I giorni della vita, Risposte della filosofia alle nostre quotidiane domande (Milano 2011). La serata sarà aperta da Jeph Anelli, direttore del Museo Archeologico di Sezze, mentre la presentazione dell’opera è affidata a Maria Manzoni, Don Anselmo Mazzer e Giancarlo Loffarelli. Gli interventi saranno coordinati da Piero Formicuccia. Marina Eianti (Ass.ne Le Colonne), invece, leggerà alcuni brani presenti nel testo. Al termine dell’incontro, ad ingresso libero, sarà offerta al pubblico una degustazione di dolci tipici locali.

di Redazione | 04/05/2011

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno studio sociologia Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2023 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it