We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Cosenza (Cosenza) - Dal 7 al 9 aprile convegno di studi “Giulio Carlo Argan: l’impegno politico, la storia dell’arte, i beni culturali”


La Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Calabria, dal 7 al 9 aprile prossimo, a Cosenza, palazzo Arnone  promuove il convegno di studi  Giulio Carlo Argan: l’impegno politico, la storia dell’arte, i beni culturali. Figura di spicco della cultura del Novecento, Giulio Carlo Argan (Torino 17 maggio 1909 – Roma 12 novembre 1992) costituisce ancora oggi un punto di riferimento per gli studi storico-artistici. Operando al di là degli stretti confini disciplinari, egli – riferisce testualmente una nota dell’ufficio stampa della Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Calabria ha posto la propria esperienza al servizio della collettività, scegliendo di “non assistere agnostico e inerte” a quanto accadeva nella cultura del proprio tempo. Ad Argan si devono alcuni fondamentali saggi sulle condizioni storico-culturali e tecnico-sociali del fare artistico, meritevoli di indagare l’atto creativo nei suoi molteplici aspetti. Insieme a decine di studi e monografie su alcuni dei maggiori protagonisti della pittura e della scultura, la sua indagine critica si volge soprattutto all’architettura (si veda a tal proposito il famoso saggio Walter Gropius e la Bauhaus del 1951). Firma, inoltre, un fortunatissimo manuale scolastico di Storia dell’Arte dalla preistoria alla modernità che ha formato generazioni di giovani studenti. L’importanza del lavoro di Argan, tuttavia, si misura non solo in ambito puramente speculativo, ma anche nel suo costante impegno civile. Egli, infatti, fu in prima fila nella stesura della legge 1089 del 1939 (Legge Bottai), caposaldo per decenni della normativa sulla tutela del patrimonio storico-artistico; con Cesare Brandi avviò l’Istituto Centrale del Restauro, improntato alla ricerca scientifica e alla formazione didattica; dal 1976 al 1979 ricoprì la carica di sindaco di Roma rinnovando il volto della capitale e promuovendone il rilancio della vita culturale. Le celebrazioni per il Centenario della nascita di Argan, ancora a distanza di due anni, vedono il susseguirsi di convegni ed eventi, attestazione indiscutibile della sua statura intellettuale. Il convegno cosentino coordinato da Fabio De Chirico, soprintendente BSAE della Calabria e da Alessandra Anselmi, docente di Storia dell’Arte Moderna all’Università della Calabria, si avvarrà dell’autorevole collaborazione del Comitato Nazionale per le celebrazioni del Centenario della nascita di Giulio Carlo Argan, presieduto del Prof. Antonio Pinelli. Gli atti del convegno saranno raccolti in un volume curato da Fabio De Chirico e pubblicato dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria. Le giornate di studio si presentano come significativa introduzione alla XIII Settimana della Cultura promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Riprendendo la convinzione di Argan che “non c’è piccolo paese in Italia che non abbia una sua antica storia” il convegno proporrà spunti di riflessione sul progetto di tutela del patrimonio storico-artistico “nella sua unità contestuale, nella sua complessità e nella sua stratificazione”. Il metodo appassionato dello studioso saprà fornire un’efficace lente attraverso cui rileggere le vicende artistiche e l’evoluzione della politica di tutela in Calabria, permettendo di riconsiderarne la storia del territorio, nelle sue espressioni urbane e paesaggistiche, in relazione ai fenomeni politici e sociali che l’hanno percorsa. Un confronto d’idee che potrà sicuramente giovare ad una regione fragile, per cause naturali, sociali, economiche, dove più che in altri luoghi, la memoria del passato e la difesa del patrimonio collettivo richiedono la più larga e condivisa partecipazione.  Il convegno offrirà molteplici spunti metodologici a quanti si impegnano con passione intorno a temi che il pensiero e la prassi di Argan hanno profondamente indagato e indiscutibilmente segnato, lasciando tracce profonde nella storia civile e culturale del Paese. Dopo i saluti istituzionali e del presidente onorario del Comitato Giulio Carlo Argan, Paola Argan,sono previsti interventi di Marisa Dalai Emiliani, Maria Vittoria Marini Clarelli, Rosalia Varoli-Piazza, Renato Nicolini, Valentina Russo, Claudio Gamba, Fabio De Chirico, Michela Di Macco, Roberto Banchini, Cesare De Seta, Fernando Miglietta, Fabrizio Scrivano, Marcello Fagiolo, Ninì Santoro, Stefano Gallo, Alessandra Anselmi. Il convegno si concluderà nella mattinata del 9 aprile con la visita guidata alla Galleria Nazionale di Cosenza a cura degli studenti del liceo classico “B. Telesio” di Cosenza.

di Redazione | 06/04/2011

Pubblicità

Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2024 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it