We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Calopezzati (Cosenza) - Erosione marina, l’allarme del Sindaco Gennaro Bianco


<<Nei giorni scorsi il cattivo tempo e le violente mareggiate hanno procurato, sul territorio di Calopezzati enormi danni. Le mareggiate hanno ulteriormente danneggiato il litorale su gran parte del territorio procurando gravi danni alle strutture pubbliche ed a quelle private.  Rileviamo e segnaliamo ancora una volta a tutte le Autorità competenti, come abbiamo già fatto formalmente e ripetutamente in molte altre occasioni, che il fenomeno di erosione della costa a Calopezzati ha raggiunto ormai livelli non più tollerabili e di gravi rischi per tutte le strutture pubbliche che si trovano vicino al demanio, per tutti gli immobili e le strutture private che si trovano in quella zona e per l’incolumità delle persone. Segnaliamo che se non ci sarà un intervento serio ed importante in tempi brevissimi i danni conseguenti saranno enormi ed irreparabili a carico di tutto il patrimonio pubblico e privato che esiste alla marina di Calopezzati. Riguardo alle strutture pubbliche le stesse non possono certamente essere ripristinate e rifatte con i mezzi propri di bilancio del comune a causa delle note ristrettezze dei bilanci pubblici e dei tagli  che vengono operati continuamente ed inopinatamente sugli stessi da parte dello Stato. Riguardo agli immobili privati, gli stessi vengono raggiunti da molti anni dalle mareggiate che in alcuni casi hanno già procurato danni rilevanti alle recinzioni e comunque su gran parte del litorale hanno eroso una parte consistente del demanio e della spiaggia. Se il fenomeno non dovesse essere arginato con urgenza si verificherà che continueranno ad essere danneggiate gravemente ed irreparabilmente le strutture pubbliche ed il litorale sarà irrimediabilmente distrutto. La conseguenza di tutto ciò sarà che si verificherà una gravissima perdita per il patrimonio pubblico e sarà “ economicamente danneggiato e distrutto “ il patrimonio privato in quanto si correrà il grave rischio di rimanere di fatto senza spiaggia e conseguentemente senza utenti. Per questi motivi lanciamo un ulteriore appello alla regione ed a tutte le Autorità responsabili e competenti della materia per effettuare un ulteriore sopraluogo e predisporre, con ogni urgenza, un adeguato intervento per la risoluzione dei problemi. La nostra amministrazione, insediata dal giugno 2006, ha rilevato e segnalato in molte occasioni tali problemi. Ha predisposto nel 2007 un progetto di massima che, con relativa delibera, ha trasmesso alla Regione per sollecitare un adeguato intervento. Ancora nel 2009 ha predisposto un ulteriore studio che è stato concluso con adeguata relazione, indagini e planimetrie che fanno vedere con precisione l’andamento del fenomeno della erosione della costa dal 1956 al 2006 offrendo in questo modo agli organi regionali preposti, altre ulteriori preziose informazioni ed elementi per potere predisporre un intervento serio ed efficace che possa risolvere i problemi denunciati e salvare il patrimonio pubblico, privato nonché l’importante offerta turistica in atto a Calopezzati. In effetti il problema della erosione della costa di Calopezzati risale infatti agli anni 60 ‘  70’ ed è noto che non può essere assolutamente risolto con i fondi del bilancio comunale trattandosi di un intervento importante che richiede ingenti somme per la sua soluzione. Naturalmente rimaniamo in attesa che le Autorità e gli Enti preposti affrontino subito il problema per risolverlo definitivamente>>. Gennaro Bianco - Sindaco di Calopezzati        

di Redazione | 22/03/2011

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it