We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rende (Cosenza) - CyberChallenge 2024, l'Unical si aggiudica il settimo posto


CyberChallenge.it, è il primo programma di addestramento in cybersecurity per studentesse e studenti universitari e delle scuole superiori organizzato dal Cybersecurity National Lab del Cini (Consorzio inter-universitario nazionale per l’informatica).
Le singole università coinvolte nel progetto partecipano attivamente col personale docente allo svolgimento del percorso di selezione e formazione. Il progetto è anche una occasione per promuovere nelle scuole le discipline informatiche e, in particolare, quelle legate ai temi della sicurezza informatica. Il programma CyberChallenge.it fa parte di un progetto più grande chiamato “The big game”, la filiera gratuita di formazione e gioco sulla cybersicurezza, rivolta a studenti e studentesse delle scuole superiori e università pubbliche italiane. THE BIG GAME include anche i progetti CyberTrials dedicato alle ragazze delle scuole superiori, OliCyber.IT dedicato a studentesse e studenti delle scuole superiori di II grado, poi c’è Cyberchallenge.IT dedicato a studenti di superiori e università. L’ultimo step del progetto consiste nella selezione del TeamItaly, la nazionale di cybersicurezza italiana che partecipa a gare di cybersicurezza internazionali.

Quest’anno al progetto hanno partecipato 43 sedi da tutta Italia comprendenti Università pubbliche e forze dell’ordine per un totale di 4112 partecipanti al percorso di addestramento. Ogni sede può avere al più 20 partecipanti effettivi più 5 eventuali riserve.

Diverse le fasi:

  • Tra febbraio e maggio 2024 si è svolta la fase di addestramento presso le varie sedi. Il programma si compone di 12 settimane di training.
  • Il 29 maggio 2024 si è svolta la gara locale. Questa fase consiste in una gara di tipo "Capture The Flag" (CTF) in formato Jeopardy, questa tipologia di gara comprende una serie di sfide (challenge) da risolvere, di carattere pratico della stessa tipologia di quelle affrontate durante l'addestramento.
  • Attraverso questa gara ogni sede sceglie i 6 partecipanti che prenderanno parte alla gara nazionale.
  • Il 4 Luglio 2024 si è svolta la finale nazionale presso il campus ITC ILO dell’ONU a Torino. Alla competizione nazionale partecipa una squadra da 6 componenti per ciascuna sede partecipante al progetto. Questa gara è in formato “attacco e difesa”: in questo formato, a ciascuna squadra viene assegnato un sistema software da difendere e contemporaneamente tenta di attaccare quelli delle altre squadre. L’obiettivo è sfruttare le vulnerabilità nei sistemi degli avversari mentre si applicano patch ai propri per prevenire attacchi. Alla fine della gara, oltre a stilare la classifica finale, le migliori otto squadre sono tenute a fare una presentazione su alcune delle vulnerabilità riscontrate, come sono state attaccate e come sono state risolte.

Ottimi risultati per l'Unical: 

  • Settimo posto nella gara nazionale su 43 sedi.
  • Miglior ateneo del Sud Italia.
  • Miglior presentazione tra le otto migliori squadre classificate (ricevuti anche molti complimenti da parte di partecipanti e organizzatori).

Ecco i partecipanti e gli struttori

I sei selezionati per rappresentare l’unical nella competizione nazionale sono: Simone Aiello (Amantea) è stato il leader trainante del gruppo, oltre a ricoprire i ruoli di sistemista e web security specialist ovvero con il ruolo di esperto nella ricerca di vulnerabilità di siti in web, Luigi Arena (Fagnano Castello) esperto in crittografia, Giuseppe Barbieri (Casole Bruzio) esperto in software security conosciuta come categoria “pwn”, Giuseppe Magliano (Palmi), esperto nello scripting e patching delle vulnerabilità, Pasquale Oliveti (Cassano All'Ionio) esperto in crittografia e Domenico Ricci (Lauria) esperto in web security.

Quest’anno il team dell’Unical ha costruito un’infrastruttura software avanzata in grado di intercettare e bloccare il traffico di rete tramite dei tool conosciuti come “packet sniffer” e “intrusion prevention system”. Altri tool utilizzati dalla squadra dell’unical sono stati interamente sviluppati dai ragazzi del team.

Il responsabile nodo locale è il prof. Angelo Furfaro. "Il duro lavoro degli ingegneri. Francesco Blefari, Carmelo Felicetti e Pironti, insieme all’impegno di tutti studenti in questa edizione è stato premiato dai risultati ottenuti in gara, e credo che questo rappresenti il miglior riscontro possibile. Questo deve essere considerato un punto di partenza per continuare a crescere e migliorare costantemente. Il mio team e l'intero laboratorio di cybersecurity dell'Università della Calabria, sebbene giovane come istituzione, stanno già facendo grandi progressi in questa direzione coinvolgendo gli studenti in nuove iniziative collaborative e progetti a livello nazionale. Il Team Unical vuole puntare sempre più sui ragazzi per creare una rete di studenti appassionati di cybersecurity e migliorare di anno in anno.

Quest’anno i ragazzi sono stati preparati dai seguenti istruttori: Ing. Francesco Blefari (software security e network security), Ing. Carmelo Felicetti (crittografia e hardware security), Ing. Francesco Aurelio Pironti (web security).

Di seguito il link alla classifica finale: http://ad.cyberchallenge.it/scoreboard


di Redazione | 08/07/2024

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2024 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it