We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Mandatoriccio (Cosenza) - Preghiamo con il Salmo 8


di DON MICHELE ROMANO - ll Salmo 8, attribuito a Davide, è una celebrazione dell'uomo, che per quanto minima creatura, se paragonata all'immensità dell'universo, è, tuttavia, "coronato" da Dio stesso, perché possa essere suo "viceré", destinandolo a una signoria universale: "Tutto hai posto sotto i suoi piedi" (v 7b), perché abbia cura del Creato, ne conservi l'armonia e la bellezza, ne usi, ma non ne abusi, ne faccia emergere i segreti e sviluppare le potenzialità.
È proprio questo che leggiamo nella "Gaudium et spes", del Concilio Vaticano II: "L'uomo è stato creato a immagine di Dio, capace di conoscere e amare il proprio Creatore e fu costituito da Lui sopra tutte le creature terrene, quale signore di esse, per governarle e servirsene a gloria di Dio" (n.12). Come spesso accade negli Inni che esaltano il Creatore, il Salmo 8 inizia e termina, con una solenne antifona rivolta al Signore, la cui magnificenza è disseminata nell'universo:"O Signore, Signore nostro, quanto è mirabile il tuo amore su tutta la terra" (vv 2.10). Il corpo del Canto, sembra supporre un atmosfera notturna, con la luna e le stelle che si accendono nel cielo. Ma forse, non tutti sanno che proprio perché in questo Salmo, è specificatamente menzionata la luna, papa Paolo VI, consegnò all'equipaggio dell'Apollo 11, una speciale scatola, contenente una stele d'oro, su cui fece incidere il Salmo 8, da depositare (unitamente ad una Sacra Bibbia), alla base della bandiera Americana, piantata sul suolo lunare dall'astronauta Armstrong, proprio il 30 luglio 1969. Questo Salmo di lode, cantato nei cieli e da tutta l'umanità, spunta spontaneo anche sulle labbra dei bambini, quasi a voler cancellare e confondere i discorsi presuntuosi dei negatori di Dio (v 3). Ma di fronte a questo scenario, affiora sempre l'eterna domanda: "Che cosa è mai l'uomo...?" (v5a). Come può Dio, "ricordarsi" e "curarsi" di questa creatura così fragile ed esigua? (v 5b). Ma ecco spuntare la grande sorpresa: Dio lo ha reso di poco inferiore agli angeli, suo "luogotenente" nel creato..., "perché governi il mondo con santità e giustizia" (Sap 9, 2-3). Purtroppo, ahimè, la storia documenta il male e gli abusi, che la libertà umana dissemina nel mondo, con le devastazioni ambientali e con le ingiustizie sociali più clamorose! Ma ora, insieme, preghiamo il Signore, con questo meraviglioso Salmo:

*O Signore, Signore nostro, quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! Voglio innalzare sopra i cieli la tua magnificenza,* 

*con la bocca di bambini e di lattanti: hai posto una difesa contro i tuoi avversari, per ridurre al silenzio nemici e ribelli.*

*Quando vedo i tuoi cieli, opera delle tue dita, la luna e le stelle che tu hai fissato,*

*che cosa è mai l'uomo perché di lui ti ricordi, il figlio dell'uomo, perché te ne curi?*

*Davvero l'hai fatto poco meno di un dio, di gloria e di onore lo hai coronato.* 

*Gli hai dato potere sulle opere delle tue mani, tutto hai posto sotto i suoi piedi:*

*tutte le greggi e gli armenti e anche le bestie della campagna,*

*gli uccelli del cielo e i pesci del mare, ogni essere che percorre Le vie dei mari.*

*O Signore, Signore nostro, quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra!*

A differenza di tutti noi, Cristo si presenta come l'uomo perfetto, "coronato di gloria e di onore a causa della morte che ha sofferto, perché per la grazia di Dio, egli provasse la morte a vantaggio di tutti" (Eb 2, 9). Il Nuovo Testamento, riferisce questo Salmo a Gesù, che lo utilizzerà nel suo ingresso trionfale a Gerusalemme (Mt 21, 14-16), perché ha saputo esercitare la sua autorità "regale", attraverso il suo servizio umile e silenzioso, fino al sacrificio supremo di sé, nella morte "a vantaggio di tutti"! Come Cristo è venuto sulla terra, non per farsi servire, ma "per servire e dare la propria vita in riscatto per molti" ( Mc 10, 45), ed in tal modo ha ricapitolato in sé "tutte le cose, quelle del cielo come quelle della terra" (Ef 1, 10), così, in questa luce Cristologica, il Salmo 8 rivela tutta la forza del suo messaggio e della sua speranza, invitandoci ad esercitare la nostra sovranità sul creato, non nel dominio, ma nell'amore! Con questo meraviglioso proposito, non mi rimane che augurarvi una serena giornata!

 


di Rubrica autogestita dalla parrocchia "San Giuseppe" Mandatoriccio Mare | 11/06/2024

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2024 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it