We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Mandatoriccio (Cosenza) - Cristo Gesù, vero Dio e vero uomo


di DON MICHELE ROMANO - A partire dalla risposta a questa precisa e fondamentale domanda: Chi è Gesù di Nazareth?, che la nostra vita può trovare un senso e soprattutto può imbattersi in una esperienza meravigliosa di autentica relazione con Lui. Sarà questa la domanda che Gesù stesso, in un momento cruciale della sua vita, a Cesarea di Filippo, rivolgerà ai suoi discepoli: "La gente, chi dice che sia il Figlio dell'uomo?" Seguono due risposte, fra loro contrastanti ed inconciliabili! Risposero: "Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elia, altri Geremia, o qualcuno dei Profeti". Disse loro: "Ma voi, chi dite che io sia?" Rispose Simon Pietro: "Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente" (Mt 16, 13-17). Notiamo subito, che alle opinioni generiche e superficiali della gente, che parla solo per sentito dire, si contrappone la prima solenne professione della fede Cristiana, che l'Apostolo Pietro, pronuncia a nome di tutti gli altri discepoli, "Icona" della Chiesa nascente. Quella di Pietro, è la risposta della Fede, che significa, non solo che tu sei l'Inviato di Dio (Il Cristo), ma ancor più, che tu sei il Figlio di Dio, che costituisce il nucleo della fede e dell'Annuncio Cristiano. Sarà Gesù stesso che confermerà la Verità di questa affermazione, nel dialogo con il Sommo Sacerdote Caifa: "Sei tu il Cristo, il figlio del Benedetto?" Gesù rispose: "Io lo sono!" (Mc 14, 61-62). Ebbene, per Amore, e solo per Amore, "il Verbo di Dio si è fatto uomo, ed è venuto ad abitare in mezzo a noi" (Gv 1, 14), abbracciando così, tutta la nostra fragilità di uomini peccatori. Infatti Egli: "Non ritenne un privilegio l'essere Dio, ma svuotò se stesso, assumendo una condizione di servo, divenendo simile agli uomini" (Fil 2, 6- 7a). Quanti Cristiani sono morti "Martiri", hanno donato, cioè, la loro vita, per testimoniare la loro fede in questa grande Verità, "cantando" la loro fede in Cristo, Dio fatto uomo. Anche se poi, sono occorsi secoli di "discussioni eretiche", alla fine, la Chiesa, ha fissato in modo preciso e definitivo, il contenuto della Fede ricevuta dagli Apostoli, nei primi Concili Ecumenici di: Nicea, Costantinopoli, Efeso, e Calcedonia, proclamando che Gesù, è vero Dio, uguale al Padre e allo Spirito Santo - secondo la natura Divina, ed è anche vero Uomo, in tutto uguale a noi, eccetto il peccato - secondo la natura umana!
La Fede della Chiesa, dicevamo, trova il suo fondamento nella testimonianza degli Apostoli: "Quello che abbiamo veduto e udito, noi lo annunciamo anche a voi" (1Gv 1, 3). È questa "Fede", che ci propone di credere e professare, che Gesù Cristo, è nello stesso tempo: vero Dio e vero Uomo! Infatti, gli Apostoli, l'hanno sentito affermare: "Quando avrete innalzato (sulla Croce) il Figlio dell'uomo, allora conoscerete che "IO SONO" (Gv 8, 28a), usando così, questo "unico" modo di definirsi, che riproduce l'impronunciabile Nome di Dio: "Jahvè ", di Gen 3, 14 : IO SONO Colui che Sono!"; Lo hanno sentito eguagliarsi a Dio Padre, dicendo: "Io e il Padre siamo una cosa sola" (Gv 10,30) -  "Chi vede me, vede il Padre".... Ha comunicato loro che Egli preesisteva nell'eternità: "Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo; ora lascio il mondo e torno al Padre" (Gv 16, 28), per ricevere quella gloria che avevo presso di Lui, prima che il mondo fosse" (Gv 17, 5). Con altrettanta certezza, gli Apostoli sanno che si è veramente fatto uomo: "È nato da una donna" (Gal 4, 4), e "da Essa riceve una natura umana, come la nostra" (Gv 1, 14); Vive la sua infanzia secondo le prescrizioni della legge (Lc 2,
21-52); Il suo corpo prova la fame (Mt 4, 2); La sete e la stanchezza (Gv 4, 6-7), come ogni uomo; La sua Anima gioisce (Lc 10, 21), e si rattrista (Gv 11, 35); Prova meraviglia (Mc 6, 6), e lo sdegno (Mt 21, 12); La tenerezza (Mc 10, 13), e la rabbia (Lc 12, 37); Ed infine, sperimenta il dolore fisico e spirituale della morte. Al di là di tutte le eresie, che la Chiesa ha dovuto affrontare e combattere nel corso dei secoli, per difendere questa immensa Verità, contro: d
Docentisti, Ariani, Nestoriani, ecc., ora tocca a noi, come "Cristiani", riaffermare e difendere la verità su Cristo: vero Dio e vero Uomo, unico e vero Salvatore del mondo! Una serena giornata a tutti, col cuore di Gesù.


di A cura della Parrocchia "San Giuseppe" Mandatoriccio Mare | 06/06/2023

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2024 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it