We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Mandatoriccio (Cosenza) - IL tempo


di DON MICHELE ROMANO - Sia nel pensiero umano, che nella Storia sacra, la definizione del Tempo è parsa sempre problematica; rimane eloquente il modo di spiegarlo di Sant'Agostino: "Se nessuno me lo chiede, so cos'è, se cerco di spiegarlo, non lo so più" (Confessioni, XI,14). Oggi, vogliamo chiederci, al di là dei tanti risvolti filosofici o scientifici, in che termini sta la nostra relazione col "Tempo", e il nostro cammino verso l'eterna felicità; in che modo questa "categoria", profondamente biblica, comporta una pienezza di valori umani religiosi, che nell'Antico Testamento, si traducono in "Storia di Liberazione" (Esodo), e nel Nuovo Testamento, il valore del Tempo, viene inteso come "Tempo Redento". La Sacra Scrittura ci insegna che, la "temporalità biblica", è tempo salvifico, perché dentro il Tempo, c'è l'opera di Dio. Esso, ha un grande valore positivo, e va colto nel suo "scorrere", e nel suo sapiente "contare": Tuoi sono i cieli, tua è la terra, tu hai fondato il mondo e quanto contiene" (Sal 89, 12), e nondimeno, nell'alternarsi tra lavoro e riposo, azione e contemplazione, parola e silenzio, dolore e gioia, morte e vita: "C'è un tempo per nascere e un tempo per morire..., un tempo per piangere e un tempo per ridere, un tempo per far lutto e un tempo per danzare..." (Qo 3,1-9). Oggi, purtroppo, sembra che il Tempo non ci basti mai, e che quasi "tiranneggi" le nostre condizioni di vita. Il Cristiano, deve poter assumere questa consapevolezza: il Tempo è Dono privilegiato, gratuito, e liberante del Padre, misericordioso e provvidente, consegnato a ciascuno di noi! Siamo chiamati, pertanto, a "rileggere" il nostro Tempo, come "evento", che si compie nell'oggi della Salvezza: "Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltata" (Lc 4, 21), passando da una concezione utilitaristica del Tempo (Cultura del consumismo), ad una concezione "provvidenziale" (Cultura della gratuità). Questo significa, saper "leggere" i fenomeni del Tempo, non come semplice "Chrònos", quale concezione profana del "divenire", costrutto mentale dell'Eterno Ritorno, tipico delle società "consumistiche", bensì, dicevamo, quale "Kairòs" di Dio, spazio in cui "si compie" il Mistero, inteso come "Progetto", che indica una progressione ed uno sviluppo, non più rilegabile o circoscrivibile all'uomo, ma ad un "Altro", che sta al di là del Tempo "misurabile", perché Lui - Dio - è l'Eterno. Nella tradizione biblica, sono due le prospettive relative al Tempo: quella veterotestamentaria, come "Tempo di preparazione", dove si sovrappongono due piani: il Tempo "cosmico" (Quello della Creazione), ed il Tempo "storico" (L'Esodo), e la prospettiva, interpretata nella linea neotestamentaria, come "Tempo di compimento". In definitiva, delle tre modalità temporali: Passato, Presente e Futuro, solo il Presente è affidato alle nostre possibilità umane. Esso, per noi, è "Sacramento", per saper riconoscere nella nostra vita, i segni e i tempi di Dio. Già il Salmista ci ricorda, che il vero orante, chiede a Jahvè: "(O Signore) insegnaci a contare i nostri giorni e acquisteremo un cuore saggio" (Sal 90, 12). Consapevoli che la Storia, è travagliata da due movimenti contrari: sviluppo progressivo del male, ed anelito verso il bene, come Credenti, siamo invitati a vivere in obbedienza al Progetto del Padre, che in Cristo, con l'annuncio del Regno di Dio, e con la sua Pasqua, ha fatto della Storia sacra, un evento decisivo, unico, ed irrepretipibile, che pur vivendo "oggi" sulla terra, proietta ciascuno di noi, in un futuro ("Il cammino verso la Pienezza"), che si compirà "nel seno del Padre" (Dinamismo del "Già e non Ancora"). Rievangelizziamo, pertanto, il nostro Tempo, come "Tempo di Salvezza", come "Kairòs" di Dio, l'unico vero "Signore del Tempo e della Storia". A tutti, una serena e Buona vita.


di A cura della Parrocchia "San Giuseppe" Mandatoriccio Mare | 18/04/2023

Pubblicità

Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2024 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it