We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - W la pizza!


di LETIZIA GUAGLIARDI - Ieri, 17 gennaio, è stata la Giornata Mondiale della pizza e considerato che mi piace tanto le dedico questo articolo. Riconosciuta dall’Unesco nel 2017, la pizza napoletana, l’unica e verace, è ormai patrimonio dell’umanità. Molto bella la motivazione: “Le competenze legate alla produzione della pizza, che include gesti, canzoni, espressioni visuali, gergo locale, capacità di maneggiare l’impasto, esibirsi e condividere è un indiscutibile patrimonio culturale”.

Nata povera nelle bettole di Napoli, nel corso degli anni si è arricchita sempre di più fino a conquistare il mercato mondiale che supera i 60 miliardi di euro di fatturato.

La pizza è senza tempo e richiede passionedeterminazionepazienzaimpegno e dedizione. La pizza è condivisione, richiede gioia (chi è triste, abbattuto e chiuso in se stesso difficilmente credo riesca a preparare una buona pizza) e dona gioia (a mangiarla).

Anche in questo post ritorno sul tema del lavoro fatto bene perchè la pizza, per essere bella e buona, deve essere armoniosa e chi la prepara deve:

-scegliere con cura gli ingredienti e stare attento ai tempi e alle temperature;

-seguire la stagionalità;

-curare gli abbinamenti cromatici e gastronomici.

Preparare una buona pizza è come dirigere un’orchestra. Chi la prepara è il direttore perché deve accordare tutti gli orchestrali in modo da ottenere la migliore esecuzione:

-ogni volta gli ingredienti devono essere freschi, di qualità e di stagione (i colori, i profumi e i sapori si esprimono al loro massimo);

-vanno dosati con sapienza: l’olio, per esempio, deve essere versato a filo sulla “tela” con un movimento a spirale;

-i colori sono importanti (qualsiasi piatto, quando è presentato bene, si mangia prima con gli occhi): bianco/rosso/verde – bianco/verde/marrone/giallo – /rosa/rosso/verde/bianco…

-gli ingredienti della farcitura vanno accostati con diligenza e senza restrizioni perchè il nostro estro non conosce limiti: fiori di zucca, alici e fior di latte, gorgonzola, mozzarella, formaggi erborinati, cipolla e aceto balsamico…

-fra gli orchestrali ci sono anche il nostro cuore, la nostra mente e il nostro amore, per noi e per gli altri: una pizza che si presenta bene e che viene portata a tavola con il sorriso fa emozionare. I cinque sensi si mettono in moto e riaffiorano i bei ricordi. Ti viene in mente quando eri bambino e la mamma la sfornava…

-in mano non abbiamo la bacchetta per dirigere l’orchestra, abbiamo le nostre mani e, anche stavolta, vanno usate nel modo giusto: bisogna toccare l’impasto per “sentire” il punto di pasta, il panetto lievitato va steso, appiattito, guarnito e infornato.

La pizza è un’armonia di bontà, di bellezza e di cultura. È una sinfonia di gustidivertimentoallegriapassione e amore. È un’ instancabile ricerca del lavoro fatto bene, del bisogno di migliorarsi sempre di più, del desiderio di donare qualcosa di utile.

Proprio come dobbiamo fare, ogni giorno, con la nostra vita.


di Letizia Guagliardi | 18/01/2023

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno studio sociologia Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2023 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it