We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Crosia (Cosenza) - Caterina Urso (Italia Viva): In Calabria ridefinire l’orizzonte per accogliere le sfide del futuro


"E’ sempre piu’ larga la forbice tra Nord-Sud Italia. Le finalita’ di riequilibrio territoriale necessarie per favorire la coesione economica ,sociale e territoriale dell’Europa ,accolte nel PNRR, sono ancora ad oggi disattese. Basta analizzare il carrello della spesa dei consumatori per riscontrare che al sud la popolazione si orienta all’acquisto dei beni di prima necessita’. Si cerca sempre una giustificazione: Covid 19, guerra RussiaUcraina,inflazione ecc.., ma a mio avviso il problema è l’incapacita’ dei governatori delle regioni del sud, di ingegnare una direzione precisa di cambiamento. Eppure, la Commissione Europea ha tracciato la vera strada della soluzione per il futuro attraverso la quale si deve partire proprio da Mezzogiorno: l’economia della transizione verde, moderna, competitiva, l’attuazione dell’European Green Deal entro il 2050". E' quanto afferma in una nota diramata alla stampa Caterina Urso - Responsabile Mezzogiorno coordinamento Italia viva Calabria. "Il sud Italia e la Calabria - prosegue testaualmente - dispongono di risorse naturali, energetiche ,umane ,climatiche, culturali in grado di rivoluzionare l’economia europea. Basta saper agire per sostenere il popolamento demografico con nuovi provvedimenti legislativi a sostegno della famiglia, puntare alla digitalizzazione partendo dalla formazione dei giovani nelle scuole, a un’industria competitiva. Il sud, non industrializzato, e a vocazione agri-turistica , disponendo anche di risorse culturali, che la politica sinora non ha saputo valorizzare, puo’ trainare il settore turistico e della biodiversita’ che inevitabilmente miglioreranno il mercato e la salute delle nuove generazioni. La Calabria puo ’ puntare alle fonti rinnovabili ,alla silvicoltura ed alla produzione agricola di qualita’,al settore ittico ,potenziando i trasporti ferroviari e marittimi. I giovani invocano economia ed edilizia etica al sud, e cio’ e’ possibile perche’ i nostri borghi sono libri viventi delle varie civilta’ che li hanno dominati ,eco di memoria e vanno solo valorizzati con le ristrutturazioni idonee a promuovere negli edifici l’efficienza energetica e una coreografica vegetazione ,cosi’ come previsto nella legge di bilancio appena approvata che proroga al 2024 l’Ecobonus. Auspico quindi che nel 2023 la politica dei governatori delle regioni del Mezzogiorno e i sindaci della Calabria, ridefiniscano l’orizzonte entro cui accogliere le sfide del futuro, attivandosi all’insegna della cooperazione etico sociale, presupposto necessario per abbattere le diseguaglianze e favorire il rispetto dei valori democratici e di sviluppo del Mezzogiorno". 


di Redazione | 28/12/2022

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno studio sociologia Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2023 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it