We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - La Giornata Nazionale degli alberi


di LETIZIA GUAGLIARDI - Lo scorso 21 novembre abbiamo celebrato la Giornata nazionale degli alberi. Sono da sempre affascinata dagli alberi, diversi per dimensioni, forme, colori. Come noi esseri umani. Alcuni sono alti e vigorosi, altri sono incurvati e contorti. Tutti belli, tutti unici. Come gli alberi, anche noi dobbiamo avere radici ben piantate a terra e la testa verso il cielo. Solidità e fermezza ma anche libertà e leggerezza. Come loro, dobbiamo conservare le radici (i nostri valori e principi) ma essere pronti a cambiare le foglie (le idee). Come loro, attraversiamo il freddo inverno e aspettiamo la primavera: la rinascita delle foglie, nuova linfa, nuove forze.

Quando io guardo un albero non vedo solo un albero. Osservo le radici che crescono e si espandono, le chiome quando vengono spettinate dal vento, il legno del tronco che mi trasmette calore quando lo abbraccio.

Un albero, solo osservandolo, può farci compagnia. E penso ad Anna Frank che, nascosta nella soffitta, ammirava dalla finestra il castagno che si trovava in un cortile interno. L’ultima volta che ne parla nel suo diario è il 13  maggio 1944: “Il nostro castagno è in piena fioritura dai rami più bassi alla cima, è carico di foglie e molto più bello dell’anno scorso”.

Ecco un altro bell’esempio nella Bibbia:

Benedetto l’uomo che confida nel Signore

e il Signore è sua fiducia.

Egli è come un albero piantato lungo l’acqua,

verso la corrente stende le radici;

non teme quando viene il caldo,

le sue foglie rimangono verdi;

nell’anno della siccità non intristisce,

non smette di produrre i suoi frutti. (Ger 17, 7-8)

Mi ispira così tanto questo versetto che l’ho inserito nel mio logo

Concludo con una citazione attribuita a Martin Luther King:

“Anche se sapessi che domani il mondo finirà oggi vorrei lo stesso piantare un albero di mele”.

Piantare un albero è segno di speranza, di fede e di fiducia. Sa di crescita e di futuro. Di cura e dedizione. Di radici e attesa. Delle foglie nuove. Di frutti buoni e sani. E se non possiamo piantarne uno prendiamoci cura di quelli che già ci sono, accarezziamoli, ascoltiamoli. E osserviamoli: in questa stagione, soprattutto, è impossibile ignorarli!


di Letizia Guagliardi | 23/11/2022

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno studio sociologia Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it