We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Mandatoriccio (Cosenza) - La Fede nella 'Comunione dei Santi'


di DON MICHELE ROMANO - Oggi, la Chiesa ci fa celebrare la Festa dei nostri "Fratelli maggiori", i Santi, gli eroi di Dio, i campioni "prescelti tra gli uomini di ogni razza popolo e nazione, una moltitudine immensa che nessuno poteva contare" (Ap 7, 9a), e ce li propone come modelli di vita, perché anche noi, sul loro esempio, possiamo incontrare Cristo in terra, per condividere poi la "beatitudine" in Cielo. C'è di grande incoraggiamento pensare, che in questa schiera, ci siano anche i nostri cari: genitori, parenti, amici, e tante persone care che ci hanno preceduto nel Regno (Molti di loro saranno certamente Santi, anche se "anonimi"), e sono stati nostri compagni nel percorso della vita. Questo alimenta la nostra fervida speranza: essere un giorno anche noi, annoverati nel numero dei Beati, non tanto per i nostri meriti, ma soltanto per la grazia che il Signore Gesù ci ha meritato. Il Vangelo delle "Beatitudini" di oggi (Mt 5, 1-12a), sono il "Manifesto del cristiano", e la sua "Magna Carta", che ci indicano la via, Il cammino per il Cielo. Ma nel contempo, ci svelano il volto stesso di Gesù, ne sono il "ritratto" più autentico, perché: "Lui, (Commenterà Benedetto XVI, il 1° novembre 2006), in verità, è il Beato per eccellenza"! Se guardiamo bene, è Lui: il vero povero in spirito, l'afflitto, il mite, l'affamato, e l'assetato di giustizia, il misericordioso, il puro di cuore, l'operatore di pace; È Lui il perseguitato a causa della Giustizia. Questo mistero, trova pieno compimento nella sua Morte e Risurrezione: un mistero che ci invita alla sequela, ed i Santi, sono stati gli antesignani in questo. I primi a comprendere che con Gesù, l'impossibile diventa possibile ("Anche un cammello può passare per la cruna di un ago- (Mc 10, 25),  e con il suo aiuto ci ha dato la possibilità di diventare perfetti: "Siate perfetti, come è perfetto il Padre vostro celeste" (Mt 5, 48). Certo non mancheranno le difficoltà e i momenti di scoraggiamento: "Beati voi quando vi insulteranno e vi perseguiteranno..." (v 11a), ma come Chiesa, non dobbiamo temere la povertà, le calunnie, le persecuzioni, che ormai possono venire da una società oggi, sempre piu "scristianizzata", spesso solo attratta, dal benessere materiale, dal possesso, dal potere, e dal successo. San Paolo ci ricorda che: "Quello che è debole..., ignobile e disprezzato per il mondo, Dio lo ha scelto per confondere i ±forti..., e ridurre al nulla le cose che sono" (1Cor 27-28). I Santi, sono coloro che, vivendo "controcorrente", mai asserviti alla mentalità del mondo, attraverso le Beatitudini, sono riusciti a procurarsi la vera Carta d'identità del Cristiano, l'autentico "Green pass" per il Paradiso. Saremo anche noi candidati a divenire concittadini dei Santi, nella Gerusalemme Celeste, se sapremo far trasparire nella quotidianità della nostra vita, il vero volto di Gesù. Se ci sono riusciti loro, possiamo riuscirci anche noi. In questo ci
avvaliamo della loro "piena comunione", che non solo condividono con Dio: "Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio" (v 8), ma anche con noi tutti. La Fede e la Speranza, non possono più unirci, perché loro godono già la visione eterna di Dio, ma "ci unisce invece la Carità, l'amore che non passa mai" (1 Cor 13, 13). Che la Vergine Madre, Regina di tutti i Santi, ci aiuti in questo anelito. Auguri pertanto, e buona Solennità a tutti.


di Parr. S. Giuseppe Mandatoriccio Mare | 01/11/2022

Pubblicità

Giornata di luce, non di lutto!

Mandatoriccio: Giornata di luce, non di lutto!

Cosenza, 01/11/2022
di Parr. S. Giuseppe Mandatoriccio Mare

vendesi tavolo da disegno studio sociologia Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it