We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Cariati (Cosenza) - Due giorni di intensa attività per i docenti dell'iis Cariati


Educare oggi significa costruire nuovi modelli pedagogici e didattici che prevedano il lavoro delle istituzioni scolastiche in un’ottica di sistema. Ogni azione formativa è riferita a norme, intenzionalità, orientamenti e valori culturalmente definiti che consentano di stabilire un’alleanza tra i bisogni dei soggetti in formazione e quelli delle loro famiglie. È in questa prospettiva che l’IIS di Cariati, ha avviato il programma delle attività di formazione per i docenti con due appuntamenti di particolare rilevanza. Il primo ha avuto luogo online, sulla piattaforma Webex, con il Convegno Nazionale “Scuola e contesti multiculturali - Esperienze dei dirigenti scolastici e tecnici al Master FAMI (Fondo Asilo Migrazione e Integrazione) dell’Università di Firenze”. Il secondo incontro si è tenuto in presenza presso l’Aula Magna del Plesso ITI “Mazzone”, con la presentazione e contestuale attività di disseminazione del Progetto Erasmus + KA2 DEVOTE (Developing the Competencies of Teachers to Integrate Students from Migrant Background into European Schools), in collaborazione con la Cooperativa Sociale Fo.Co. Onlus e in rete con l’I.C. di Cariati. Il programma del convegno “Scuola e contesti multiculturali” ha previsto una sessione plenaria aperta da Raffaella Biagioli, Direttrice Master FAMI dell’Università degli Studi di Firenze, cui hanno fatto seguito i saluti istituzionali da parte di Vanna Boffo, Direttrice del Dipartimento FORLILPSI, Università degli Studi di Firenze; Ernesto Pellecchia, Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana; Raffaele Ciambrone, Dirigente Ministero Istruzione. Come da programma sono seguite le relazioni introduttive della Prof.ssa Biagioli e della Prof.ssa Laura Cerrocchi del Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione dell’Università Sapienza di Roma e le sessioni tematiche parallele tra le quali “Dal protocollo di accoglienza all’educazione plurilingue”, coordinata da Valentina Guerrini, Università degli Studi di Sassari, particolarmente seguita dai docenti dell’IIS di Cariati, in quanto ha relazionato la DS Sara Giulia Aiello con un Project Work dal titolo “L’inclusione degli studenti “internazionali”: Pratiche di accoglienza”. “Nella scuola l’educazione interculturale si configura come un insieme di pratiche e di azioni finalizzate a un inserimento positivo degli studenti immigrati” ha esordito la Dirigente dell’IIS di Cariati, proseguendo poi con l’illustrazione delle linee guida che tracciano l’approccio trasversale alle discipline e alle attività scolastiche e l’approccio relazionale volto a promuovere una convivenza positiva tra gli allievi e tra questi e i docenti. Secondo la DS Aiello “Di fronte ad una società che produce disagio, che, di fatto accentua le differenze, la scelta strategica sul piano educativo è quella di sperimentare nuovi contesti scolastici inclusivi nella realizzazione di veri e propri “ambienti di apprendimento” di matrice costruttivista”; nella sua disamina la DS si è soffermata su metodologie e strumenti quali ad esempio l’autobiografia linguistica, il ritratto linguistico, la metodologia  “Easy to read” e l’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) nell’apprendimento. In conclusione ha sottolineato, inoltre, la necessità di potenziare le competenze socio-culturali degli allievi, di prendere in carico le fragilità con particolare attenzione agli allievi con DSA e BES, e a tutti gli studenti stranieri di recente immigrazione. “E’ altresì fondamentale, stilare patti educativi di comunità coinvolgendo il terzo settore, le agenzie educative, culturali e sociali del territorio, nonché promuovere équipe stabili multi-professionali e percorsi formativi specifici per tutti i docenti”, ha chiosato la Dirigente Aiello, ma soprattutto è necessaria una “Leadership coraggiosa che attivi le leve che creano le condizioni migliori per l’accoglienza, la cura e l’inclusione: Visione-Speranza-Fiducia-Idee-Energia”. Sul fronte dell’attività di disseminazione del progetto DEVOTE, questa si è svolta con l’intervento del dott. Alessandro Brullo, referente per la Cooperativa Sociale Fo.Co. (Formazione e Comunione) Onlus con sede sociale a Chiaramonte Gulfi (RG), ma operante nel campo della formazione in tutto il territorio nazionale. La relazione di Brullo è stata preceduta dai saluti della Dirigente Aiello; presente anche il Dirigente dell’Istituto Comprensivo di Cariati, Prof. Alessandro Turano, accompagnato da una corposa delegazione di docenti. In premessa Brullo ha illustrato ai presenti la mission della Cooperativa Fo.Co., la quale opera prevalentemente “per lo sviluppo sostenibile dei territori e per la valorizzazione degli individui e delle diversità, attraverso l’offerta di servizi alla persona, di percorsi di formazione professionale e di progettazione sociale, sempre guidata da un codice etico legato ai principi esposti nella Carta delle Nazioni Unite e allo spirito enunciato dall'Economia di Comunione”. Nello specifico il progetto DEVOTE, finanziato dal programma Erasmus+ KA2, ha proseguito Brullo, “mira a rafforzare l’integrazione degli studenti con background migratorio nelle scuole e a migliorare il loro successo nell'istruzione, fornendo formazione e orientamento agli insegnanti, dotando i dirigenti scolastici e gli educatori delle competenze necessarie e gli strumenti innovativi per sostenere gli studenti nel processo di crescita educativo, rafforzando la collaborazione tra le scuole, le famiglie e altri soggetti esterni”. Tra gli obiettivi del progetto è previsto anche lo sviluppo delle competenze degli insegnanti nell’approccio agli studenti migranti e rifugiati ed il sostegno alle scuole per facilitare l’inclusione e il successo degli studenti immigrati e rifugiati appena giunti nel territorio italiano, contribuendo così a combattere l’abbandono scolastico precoce. Molti e qualificati gli interventi dei docenti presenti, i quali hanno aderito anche al corso online aperto e strutturato su sei moduli, che guiderà gli insegnanti e gli educatori nell’integrazione di studenti con background migratorio all’interno delle scuole. Al termine dell’incontro la DS Aiello ha ringraziato tutti i presenti sottolineando che il valore dell’intercultura “ci pone di fronte alla scelta di gestire rapporti con le altre culture in termini di impegno reciproco, relazioni interdipendenti. La scuola può esercitare un ruolo strategico in tutto questo: la sfida attuale delle istituzioni scolastiche sta nel riconoscere, studiare e valorizzare la differenza tra le culture, intendendo la differenza come una risorsa”.


di Redazione | 31/10/2022

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno studio sociologia Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it