We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Mandatoriccio (Cosenza) - Gesù, 'Signore del Sabato'


di DON MICHELE ROMANO - ll miracolo narrato nel Vangelo di oggi (Lc 13, 10-17), ci parla della guarigione di una donna incurvata dalla malattia, da 18 anni, ed è riportato solo da Luca. Era un giorno di sabato,  del "riposo" di Dio (lo "Shabbat"), ma non da considerare riposo "dal" fare (Il bene), ma "per" il bene dell'uomo, perché il vero culto a Dio è fare la carità, che non conosce riposo. La carità non conosce stanchezza. Gesù, nella Sinagòga, vide quella povera donna, e con la tenerezza di un Padre, la chiamò a sè, dicendole: "Donna, sei liberata dalla tua malattia" (v 12). Ed ecco, pronta la reazione di sdegno del capo della Sinagòga, perché Gesù avevo operato quella guarigione, nel giorno di sabato, giorno di assoluto riposo (Erano contati anche i passi da fare in quel giorno!), da dedicare esclusivamente al culto. In questa donna è rappresentata la situazione dell'umanità, prima della venuta di Gesù, sotto il dominio dello spirito maligno: ammalata, rattrappita, tutta piegata, ed impossibilitata a rialzarsi. Gesù guarda quest'ammalata, con grande compassione, e parlandole  impone le mani. Il capo della Sinagòga, non sapendo riconoscere i "segni" del tempo della salvezza, schiavo com'è del suo testardo attaccamento alla tradizione umana, senza comprensione alcuna per l'amore e la misericordia, verso una creatura umana così gravemente ammalata, non può che subire la sorte della "vergogna" (v 17), non solo davanti al popolo, ma anche un giorno, davanti al tribunale di Dio! Gesù dà un nuovo significato al sabato, o meglio gli dà il suo significato originale. La legge del sabato è al servizio dell'uomo: " Il sabato è stato fatto per l'uomo, e non l'uomo per il sabato" (Mc 2, 27), e Dio viene glorificato da chiunque usi misericordia verso i fratelli. È così che l'uomo riceve nuovamente da Gesù, la sua dignità e la giusta considerazione: Non può essere considerato meno di un bue o di un asino! Gesù libera l'uomo dal peso opprimente della legge, infrange il dominio di satana, che si manifesta nel peccato, nella malattia, e nella morte. Il sabato, diventa così il giorno della gioia per tutti. L'infermità, nella mentalità biblica, non è solo disfunzione del corpo, ma l'invasione di uno spirito malvagio che logora ed arresta in lui, il corso delle forze della natura. Gesù, stendendo le mani sulla donna inferma, trasfonde su di lei il suo Spirito, che allontana lo spirito del male. Difronte a questo avvenimento straordinario, le reazioni sono diverse, e addirittura contrastanti: La donna guarita, "glorifica Dio" (v 13), perché riconosce nel miracolo compiuto da Gesù, una manifestazione della sua onnipotenza e della sua bontà; Il capo della Sinagòga, è "indignato e scandalizzato" per il trambusto avvenuto di sabato, nel luogo sacro; La "folla" esulta, e questo può aver creato qualche inconveniente. Ma che ben vengano, anche tutti i giorni  inconvenienti come questo! Nel finale del brano, appaiono in scena, da una parte, gli avversari di Gesù che lo condannano e disapprovano la sua opera, e per questo sono irritati e svergognati; Dall'altro la folla che, invece, entusiasta e convinta, esaltando l'opera di Gesù. Lo stesso fatto, suscita indignazione o vergogna, oppure gloria e gioia. Del resto il Padre, quale esempio mirabile, offrendo suo
Figlio, ha dato prova di essere tutto "incurvato" sull'uomo, ed ogni uomo incurvato, per sua Grazia, si può raddrizzare, e così riflettere la gloria del Figlio. Una serena giornata.


di Parr. S. Giuseppe Mandatoriccio Mare | 24/10/2022

Pubblicità

Tenuto a Mirto evento diocesano di preghiera

Crosia: Tenuto a Mirto evento diocesano di preghiera

Cosenza, 24/10/2022
di Redazione

vendesi tavolo da disegno studio sociologia Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it