We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - Avrei voluto, avrei dovuto, avrei potuto


di LETIZIA GUAGLIARDI - Avrei voluto godermi di più la vita. Avrei dovuto lavorare di meno. Avrei potuto dedicare più tempo ai miei cari. Queste sono le constatazioni più comuni, che di solito si fanno verso l’ultima parte dell’esistenza sulla terra. Ma ce ne sono molte altre e si fanno in qualsiasi momento: avrei voluto dire la mia in quell’occasione. avrei dovuto fare quella telefonata, avrei potuto parlare con quella persona…per esempio. Oggi parliamo di rimpianti, cioè delle rose che non colsi e delle cose che potevano essere e non sono state, come ha scritto Guido Gozzano.
Ecco la definizione di rimpianto:

RICORDO NOSTALGICO E DOLENTE DI PERSONE O COSE PERDUTE O DI OCCASIONI MANCATE

Riflettere sulle opportunità non colte, sulle scelte non fatte, sulle azioni sbagliate va bene solo se si impara la lezione e ci si concentra poi sul presente. Ma per molti non è così. I rimpianti, giorno dopo giorno, diventano sempre più pesanti e impediscono di andare avanti. Ma fanno anche di peggio: afferrano la persona che ne soffre e la tirano sempre indietro. Risultato? Quella persona non vive serenamente nel presente e non è proiettata verso il futuro. Hanno un nome preciso i rimpianti: AMAREZZA NOSTALGIA SENSO DI VUOTO PAURA DI SBAGLIARE.

Ma c’è una buona notizia: possiamo liberarcene. Ecco alcune strategie che ho sperimentato: Cerchiamo di capire perché abbiamo agito in quel modo e imparare dagli errori in modo da non ripeterli; perdoniamoci accettando gli errori; accettiamoci per come siamo, vediamo i nostri lati positivi e modifichiamo quelli negativi; facciamo pensieri positivi e incoraggianti (il nostro cervello crede a ciò che diciamo); facciamo le cose che ci fanno stare bene; frequentiamo le persone che ci fanno stare bene; teniamo un diario: la scrittura ci aiuta ad elaborare in modo oggettivo cosa ci è successo e come ci sentiamo; 

viviamo con CONSAPEVOLEZZA: chi siamo? Cosa desideriamo? Se tendiamo a dipendere dal giudizio degli altri, a tenere in considerazione le loro opinioni e ci adattiamo ad esse, avremo più rimpianti. Se invece rispettiamo i nostri valori, le nostre convinzioni e le nostre sensazioni saremo meno influenzati da quello che potrebbero pensare gli altri e avremo, di conseguenza, meno rimpianti.

“Tra vent’anni sarai più dispiaciuto per le cose che non hai fatto che per quelle che hai fatto. Quindi sciogli gli ormeggi, naviga lontano dal porto sicuro. Cattura i venti dell’opportunità nelle tue vele. Esplora. Sogna. Scopri.” (Mark Twain)
Nel mio romanzo “Ti scrivo per abbracciarti” Bea attraversa un brutto periodo attanagliata dai rimpianti: perché non l’ho abbracciato di più? Perché non gli ho detto più spesso quanto lo amavo? Perché non gli ho dato più baci? Queste domande diventano delle piovre i cui tentacoli l’afferrano, la bloccano in una palude piena di tristezza, di amarezza e di sensi di colpa in cui lei sguazza per molto tempo, annaspa e a volte vorrebbe annegarci perché la vede come unica soluzione per liberarsene. Ma, per fortuna, dopo un lungo periodo decide di seguire le mie otto strategie.

“Il rimpianto è il vano pascolo di uno spirito disoccupato. Bisogna soprattutto evitare il rimpianto occupando sempre lo spirito con nuove sensazioni e con nuove immaginazioni.” (G. D’Annunzio)

Cogliamo ogni buona opportunità, diciamo più spesso parole gentili, incoraggiamo di più chi ha bisogno, non abbiamo paura di affrontare il “nuovo”, facciamo buon uso del nostro tempo. Viviamo bene e con consapevolezza la nostra quotidianità. Io credo che sia molto meglio fare qualche sbaglio, rimediare e andare avanti che stare fermi e poi un giorno chiederci come sarebbe andata se ci avessimo provato.


di Letizia Guagliardi | 11/10/2022

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno studio sociologia Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it