We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Catanzaro (Catanzaro) - “Storia di un compagno dimenticato”, presentata l’opera prima di Rita Parentela: il libro dedicato a nonno Luigi


Ha deciso di aprire il cassetto dei ricordi per rendere omaggio a un “uomo burbero con i capelli bianchi” e con uno strano fiocco legato alla camicia. Per la bambina seduta sulle sue ginocchia ad ascoltare le storie di un passato dimentica era semplicemente suo nonno, e per Catanzaro è un emblema della lotta antifascista, sempre in prima linea dalla parte dei deboli e degli oppressi.

Quella bambina oggi è un brillante avvocato, Rita Parentela, una donna molto stimata e amata. Basta guardare la sala Cefaly del Complesso Monumentale del San Giovanni, gremita di parenti, amici, e colleghi che si sono ritrovati ieri pomeriggio per la presentazione della sua opera prima dal titolo “Storia di un compagno dimenticato”, dedicato a suo nonno Luigi Parentela, fondatore del Partito Comunista a Catanzaro, emblema della Resistenza e pittore.

Si tratta di un breve ma intenso racconto – edito dalla Casa editrice piemontese “Vallescrivia” -  confezionato con abilità e grande riuscita, fatto di storie personali che si intrecciano attraversando la memoria della nostra città, alla ricerca delle radici perdute, in molteplici forme Rita Parentela ci regala un “resoconto sentimentale”.

 Da dialogo intimo di un uomo con se stesso, il bilancio di Luigi sulla sua vita avventurosa, che per gli ideali ha sacrificato anche la famiglia comunque tanto amata, per la piccola Rita un momento di raccoglimento sul senso della vita e sulla ricerca della felicità, sul valore della libertà e della lotta per ottenerla.

E Rita, grazie a questo lavoro letterario, è riuscita a far riunire la famiglia Parentela, raccogliendo gli adorati figli oggi ormai nonni, nel ricordo e nell’amore per Luigi che si è sentito vivo e intenso, nei volti commossi e nella tensione emotiva, tenera e coinvolgente.

Dopo i saluti istituzionali del sindaco di Catanzaro Nicola Fiorita, dell'assessore alla cultura Donatella Monteverdi, il professore  Ludovico Abenavoli – tra i presenti anche molti amministratori e figure istituzionali a partire dal presidente dell’Ordine degli avvocati, Antonello Talerico – la disamina approfondita del libro è stata oggetto di un interessante confronto animato dal professore Luigi La Rosa, dalla professoressa Elena De Filippis e dall’avvocato Carlo Petitto, stimolati dalle domande della giornalista Maria Rita Galati. Il filo conduttore del dibattito – impreziosito dalla lettura di un brano da parte di Sofia, la figlia di Rita - è stata la memoria, declinata dai relatori, sulla scia dell’importanza di ritrovarla e tramandarla nell’intento di ricostruire l’identità di una comunità che in quella memoria affonda solida le proprie radici.

Ne è venuto, quindi, fuori il racconto dedicato un uomo di altri tempi, nonno burbero, ma amorevole con la sua nipotina, tanto dal confidarsi con lei su di uno squarcio della sua vita, vissuta prima e durante la Seconda guerra mondiale. Tra ideali politici comunisti e principi di una vita sana, vissuta comunque all'insegna di valori quali la libertà, il rispetto, l'amore altrui.


di Redazione | 03/10/2022

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it