We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Mandatoriccio (Cosenza) - "Diretto verso Gerusalemme"


di DON MICHELE ROMANO - Con questo brano del Vangelo (Lc 9, 51-5), Luca inizia la sezione centrale del suo Vangelo: il viaggio di Gesù con i discepoli verso Gerusalemme. Finora si è fermato in Galilea, ma sa bene che l'urgenza del Vangelo, troverà pienezza e compimento a Gerusalemme, dove darà la sua vita per la salvezza del mondo. Al tentativo dei discepoli di fermarlo, annota l'evangelista, Gesù "prese la ferma decisione" ("Decisamente"- v 51b), e si incamminò verso la città santa. Anzi il testo greco dice  letteralmente: "Gesù volse risolutamente la sua faccia verso Gerusalemme". Questa espressione "volgere la faccia", evoca il servo di Jahvè, che diceva: "Rendo la mia faccia dura come pietra, sapendo di non restare confuso" (Is 50, 7b). Ed ancora, evoca un ordine che il profeta Ezechiele ricevette da Dio: "Volgi la faccia verso Gerusalemme"   (Ez 21, 7a). L'ideologia del Tempio di Gerusalemme, aspettava un Messia glorioso e nazionalista, ma Gesù deluderà queste attese: volle essere un Messia Servo. Durante questo lungo viaggio dalla "periferia" alla Capitale (A noi oggi, come Chiesa, viene chiesto di ritornare ad evangelizzare le "periferie del mondo!"), questa opposizione crescerà fino al rifiuto dei Samaritani: "Essi non vollero riceverlo" (v 53). Giacomo e Giovanni, da veri "Boanerghès" (Figli del tuono), invocano su di loro, un immediato castigo dal Cielo: "Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?"(v 54). Gesù, in modo "pedagogico", rimprovera questo loro zelo violento, quasi a voler dire: la vendetta non ci appartiene!
Lo stesso Salmista dice di Dio: "Misericordioso e pietoso è il Signore, lento all'ira e grande nell'amore" (Sal 103,8). Gesù è disposto a morire, per difendere le sue idee, perciò lungi da Lui, ogni forma di "integralismo", mai userebbe il suo potere per vendicarsi, o imporre a chicchesia la sua volontà. Con questo atteggiamento di mitezza e tolleranza, Gesù esclude, in modo assoluto, l'adesione alla Fede, che non sia frutto di assoluta libertà. Lui, come inviato del Padre, accoglie tutti, e proprio per questo, non viene accolto (Quasi) da nessuno. Il nostro peccato, è proprio non accogliere la "piccolezza" di Dio in Lui: ma è proprio questa piccolezza, la sua vera "grandezza”. Quando Giovanni, arriverà al "discernimento", dopo la Pentecoste, ritornerà in Samaria (Con Pietro), e invocherà sugli stessi Samaritani, l'Amore del Padre e del Figlio: "Scesero e pregarono per loro perché ricevessero lo Spirito Santo" (At 8, 17). L'intento di Luca è proprio voler ricordare l'insuccesso, con cui si apre questo ultimo viaggio di Gesù. A ben ricordare, il primo viaggio era cominciato col rifiuto dei Galilei, suoi compaesani di Nazaret (Lc 4, 30), quest'ultimo, invece, con l'ostilità e la mancanza di ospitalità da parte dei Samaritani. Entrambi questi episodi, anticipano il rifiuto finale di tutto il popolo Ebreo a Gerusalemme. La stessa reazione degli Apostoli, ostinati a pensare al Messia potente e vittorioso, ci rimanda ad un modo di pensare che è tipico di Satana, che aveva già invitato Gesù a ricorrere ai prodigi per imporre la sua credibilità (Vedi le Tentazioni di Lc 4, 1-3). Ma Gesù, come allora non ha assecondato l'istigazione del demonio, così oggi non asseconda quella degli Apostoli, perché provenienti da una matrice comune: quella di imporre il bene con la forza, che rimane sempre una forma di violenza, fisica o morale. Il Vangelo non si impone, si propone, soprattutto con la testimonianza credibile della propria vita. Una serena giornata.


di A cura della Parrocchia "San Giuseppe" Mandatoriccio Mare | 27/09/2022

Pubblicità

Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2024 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it