We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Crosia (Cosenza) - Un rosario per la pace anche nella parrocchia San Giovanni B.


L’invito della Cei, Conferenza episcopale italiana, a mettere in atto un gesto comunitario di solidarietà, unendosi in preghiera, con tutta la Chiesa d’Europa, nella festa dell’Esaltazione della Santa Croce è stato accolto positivamente anche dalla comunità parrocchiale “San Giovanni Battista” di Mirto Crosia, guidata dal parroco, don Giuseppe Ruffo. Il bisogno di  implorare a Dio il dono della pace, in modo particolare per il popolo ucraino. La preghiera per una pace duratura nel nostro continente. Un atto di devozione e di invocazione che si è prolungata, anche nel giorno seguente, nella memoria della Beata Vergine Maria Addolorata, nonché nel 29° anniversario della morte del Beato Padre Pino Puglisi, una figura, quest’ultima, a cui la parrocchia “San Giovanni Battista” è molto legata. Infatti, non a caso, ha eretto un monumento dedicato al sacerdote siciliano. Non basta. È stato intitolato proprio a don Puglisi un campetto parrocchiale attiguo alla chiesa. Per di più, il Comune di Crosia ha dedicato una strada a don Pino Puglisi, su proposta della stessa parrocchia guidata da don Giuseppe Ruffo. Le giornate di preghiera sono state caratterizzate dal Santo Rosario meditato per la pace. Hanno avuto luogo presso l’effige della Madonna,  situata nella piazzetta ‘Laudato sì’ della zona sotto-ferrovia di Mirto. Ampia partecipazione di fedeli per entrambe le iniziative di carattere religioso. Antonio Iapichino


di Redazione | 20/09/2022

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it