We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Mandatoriccio (Cosenza) - "Dio o mammòna"


di DON MICHELE ROMANO - Nel Vangelo di questa XXV Domenica del T.O. (Lc 16, 1-1), Gesù argomenta, in una forma sempre più convincente, che l'unica ragione che può legittimare il possesso e la ricchezza, è la Carità e la condivisione con i più poveri e bisognosi: "Fatevi amici con la ricchezza
disonesta..." (v 9a). Per disonestà, qui si intende "Ricchezza iniqua" (Mammòna, appunto, il dio Denaro), cioè, frutto di angherìe, raggiri e compromessi. Gesù, che "loda quell'amministratore disonesto" (v8a), non vuole essere un invito a dedicarci, a nostra volta, ad attività illecite o disoneste, ma loda il suo immediato ravvedimento, e ci invita a imitare la stessa intraprendenza, con cui lui, da disonesto, si è adoperato "con scaltrezza", per compiere il bene, esercitando quella carità e solidarietà, che gli procureranno "amici"..., che un giorno gli schiuderanno l'ingresso, verso il regno di Dio. Gli amici veri, infatti, sono (E/o dovrebbero essere) i poveri, gli afflitti, i sofferenti, vittime di questo sistema ingiusto e prevaricatore, ma che un giorno ci chiameranno in causa, nel giorno del Giudizio: "Vendete ciò che possedete e datelo in elemosina..., fatevi un tesoro sicuro nei Cieli. Perché, dov'è il vostro tesoro, là sarà anche il vostro cuore" (Lc 12, 33- 34). Ogni ricchezza, finalizzata a sé stessa, diventa occasione di idolatria del dio mammòna. La corsa all'accumulo, diceva San Francesco d'Assisi, ci rende tutti ladri, perché: "Il denaro che abbiamo nascosto con cura, non ci appartiene, è di tanti fratelli bisognosi, che vivono in grave necessità; le scarpe o il vestito, che abbiamo in più nell'armadio, appartengono a fratelli che sono scalzi o nudi, in altra parte del mondo". Tante volte, l'ingordigia e la sete di guadagno  diventano il "vischio" dell'anima, diceva San Francesco di Paola, solo la Carità è l'acido "muriatico", capace di dissolverlo. Al termine della riflessione di stamane, mi piace parteciparvi un'esperienza personale. Sono reduce da un recente viaggio a Lourdes. L'Agenzia organizzatrice del Pellegrinaggio, al ritorno, ci ha fatto fare un tour nel Principato di Monaco e Montecarlo, con pernottamento a Sanremo (E quanto dire!). Sono rimasto letteralmente allibito e scandalizzato, nel vedere tanta opulenza e ricchezza, nelle mani di pochissime persone. La Guida ci spiegava, che il Principato di Monaco, è di appena due chilometri quadrati, ed è lo Stato più piccolo e più ricco del mondo ( Sempre dopo il Vaticano, asseriva lei, non senza una punta di ironia - e forse anche di verità - chi può dirlo?). Pensate, diceva: Qui, per l'acquisto di un appartamento, occorrono almeno 36.000,00 €uro al metro quadro; per un pernottamento in hotel, chiedono almeno 3.000,00 €uro a notte. Poi, per l'ormeggio di uno Yacht nel porticciolo di Montecarlo, ci vogliono 20.000,00 €uro al giorno. Concludeva dicendo, che il problema, e la preoccupazione di questi ultra- miliardari, non è come guadagnare, ma come spendere o investire i loro enormi profitti.  Allora mi son detto: "Signore, ti ringrazio di avermi fatto nascere in una famiglia "povera", ma "ricca" di Te. Voglio anche morire "povero", e ti ringrazio della Provvidenza che ogni giorno mi dai (Dacci oggi, il nostro pane "quotidiano", quello, cioè, che mi basta per oggi!), e ti prego anche per tutti questi "Poveri-Ricchi, perché facciano in tempo a ravvedersi e comprendere (Giusto per usare il loro stesso linguaggio), che "I più grandi investimenti", è ottimale farli nella "Banca di Dio"! Forse questo non lo sanno ancora. Per carità, chi ne ha la possibilità, li consoli, dicendo loro, che Dio ci sorprende tutti e sempre, perché come "Tasso di interesse", la sua "Banca", garantisce il 100 per 1. Una serena domenica.


di Parr. S. Giuseppe Mandatoriccio Mare | 18/09/2022

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it