We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Calopezzati (Cosenza) - La storia del paese raccontata attraverso le performance artistiche


Si è tenuta a Calopezzati la passeggiata artistica della MAROS Eventi, voluta dall'amministrazione comunale e dal sindaco Antonello Giudiceandrea. In una suggestiva atmosfera di festa, grazie ad artisti eccezionali il centro storico si è trasformato in tanti palcoscenici naturali, tra musica, danza, teatro, arte e cultura. Il giro di mezzanotte non è soltanto un evento spettacolare ma, da un'idea di Mariarosaria Bianco, si è trasformato nel tempo in un racconto artistico della storia, della cultura, delle tradizioni del borgo. 

Il direttore artistico, che ha portato in giro per la Regione l'evento per ben 17 edizioni, si è avvalso del prezioso contributo dello storico Mario Falanga che ha riportato i fatti storici più importanti che hanno visto protagonista il borgo medievale di Calopezzati.

Ad ogni episodio storico - riferisce testualmernte una nota stampa della Maros - è stata collegata una performance artistica. Info originale e affascinante per far conoscere, rivivere e rivitalizzare i centri storici. E spiega: 

"Nel gennaio 1808, a Mirto, i briganti rapiscono Antonio Aversa, galantuomo di Calopezzati, e Michele de Rosa, cittadino di Crosia, tenendoli prigionieri nei nascondigli della difesa del Patire in territorio di Corigliano.

Intercettati da un drappello di soldati francesi, i briganti sfogano «la rabbia» di essere stati scoperti sul povero Aversa, ucciso a colpi di coltello e di fucile; il de Rosa riesce invece a liberarsi e a fuggire; racconterà egli stesso il triste episodio al giudice di pace del Circondario di Rossano il 17 ottobre 1809.

QUESTO EPISODIO È RACCONTATO DALLA MUSICA POPOLARE DEI CHINI C'È... C'È . Nel repertorio del gruppo ci sono anche 2 brani che esplicitamente riguardano i briganti.

Il fire show, la performance di fuoco, per ricordare lo sbarco dei turchi nel 1622 a S. Giacomo che salgono in paese, incendiano le case e la Chiesa parrocchiale.

La chiesa subisce gravi danni; dall’incendio si salva la sola cappella del SS. Sacramento.

La livella di Totò per raccontare l'episodio del  1735, quando Il re di Napoli e di Sicilia, Carlo III di Borbone, è a Calopezzati ospitato in castello dal principe Giuseppe Domenico Sambiase.

Nel 1799 viene proclamata la repubblica napoletana. Calopezzati innalza l’Albero della Libertà (un olmo) e si dichiara municipalità repubblicana e innalza l’Albero della libertà. Mentre e il 18 maggio 1807 Calopezzati si rivolta contro gli occupatori francesi del Regno di Naspoli

Questi 2 importanti episodi SONO BEN RAPPRESENTATA DALLA MUSICA DELLA GIPSY ORKESTAR del Maestro Eusebio Martinelli che profuma proprio di libertà

Nel 1806 Torna a Calopezzati il colonnello borbonico Ferdinando Sambiase, barone di Calopezzati, Caloveto e Pietrapaola, duca di Crosia, principe di Campana e signore di Cariati e Terravecchia

Con l’avvento dei Francesi sul trono di Napoli, il colonnello Ferdinando Sambiase lascia la vita militare e fa ritorno nella sua terra di Calopezzati, nel castello di famiglia dove era nato nel 1774.

Porta con sé la collezione di opere d’arte e le carte d’archivio personali.

Il rientro nel paese natale è segnato da festosa accoglienza popolare; gli abitanti sia "per la signoria delle terre ed altresì per l’amor grande che a lui portavano" lo festeggiarono "con luminarie e con ogni maniera di pubblica gioia".

In questo caso il direttore artistico Mariarosaria Bianco ha voluto realizzare una performance PROPRIO NEL CASTELLO GIANNONE, dove si sono esibiti due attori di MIMO con veste da dama bianca che poi ritroviamo in vico Mazzini con lo stesso costume luminoso in ricordo delle luminarie che festeggiarono Ferdinando Sambiase. Postazioni con installazioni LED vengono riproposte in più postazioni di passaggio lungo tutto il percorso del GIRO DI MEZZANOTTE proprio per ricordare la grande festa di accoglienza con le luminarie.

Ma se il centro storico del piccolo borgo medievale, grazie agli episodi storici di Mario Falanga è riuscito ad offrire tanti spunti interessanti, non poteva mancare l'omaggio al mare con la performance romantica della sirena accompagnata dalle percussioni a ricordare i rumori e i suoni del mar Ionio.

Uno spettacolo dentro lo spettacolo che ha coinvolto un pubblico numerosissimo portandolo a scoprire vicoli caratteristici, storia, culturale, arte e tradizione in maniera spettacolare e suggestiva. 


di Redazione | 04/09/2022

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it