We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rende (Cosenza) - UniCaLab: vince l’app che cambia il modello di pubblicità nei videogiochi


Sul podio della finale del percorso di formazione Unical per lo sviluppo di progetti di impresa anche la soluzione per connettere datori di lavoro e lavoratori del settore ristorazione e l’app per la creazione del pasto personalizzato

Sette i team che si sono contesi il podio del quinto ciclo di UniCaLab, il percorso di formazione e contaminazione per lo sviluppo di idee imprenditoriali innovative promosso dall’Università della Calabria, divenuto anche esame a scelta da inserire nel piano di studi di tutti i corsi di laurea.

I vincitori, proclamati durante la final competition svoltasi nei giorni scorsi nella Sala Cinema dell’ateneo, sono Gamerge, Waitergo e AYL.

Gamergevuole stravolgere il modo di fare advertising neivideogiochi attraverso una piattaforma che faccia inserire iprodotti pubblicitari nel “mondo” del videogioco in automatico, adattando gli skin(modelli) a ciò che si vuole pubblicizzare, senza creare disturbi ai giocatori e profilandoli anche.

Waitergo è il progetto di un'applicazione web che punta a far incontrare domanda e offerta di lavoro nel settore della ristorazione.

L'idea di AYL, invece, è quella di realizzare un servizio di ristorazione innovativo, basato su una app con cui il cliente può creare un pasto personalizzato, bilanciando in modo ottimale gli elementi eottenendo informazioni nutrizionali complete sul cibo ordinato per consumare cibi sani, di qualità e a chilometro zero.

Per loro premi in servizi e un percorso di accelerazione presso l’incubatore di startup TechNest dell’Unical.

A decretare i tre vincitori una giuria composta dai docenti UnicalMaurizio Muzzupappa del Dipartimento di Ingegneria meccanica, energetica e gestionale (Dimeg) e delegato del Rettore per il Trasferimento tecnologico; Donatella Armentano, del Dipartimento di Chimica e delegata del Rettore per i Laboratori e le Infrastrutture di ricerca;Mariacarmela Passarelli, del Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche, esperta in technology management e imprenditorialità;Anna Pinnarelli, ricercatrice del Dimeg, esperta in sistemi elettrici per l'energia; Mariafrancesca D’Agostino, ricercatrice del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali, esperta in processi di accoglienza, integrazione e interculturalità; e dall’imprenditoreLuigi Barberio, fondatore della società di informatica Platonetsrl e CEO del factory lab Destinazioni Innovative.

Gli altri pitch della finale sono stati quelli dei progettiARM Technologies, tecnologie per batterie di auto elettriche; WasteLess, differenziatore automaticodei rifiuti;EventEasy, informazioni sugli eventi dei locali notturni e non solo;FlexGo, soluzioneper il miglioramento dell'efficienza lavorativa dei dipendenti di aziende.

Soddisfatto anche di questo quinto ciclo di UniCaLab, del lavoro fatto dai partecipanti per affrontare il corso e la finale si è detto il professore Maurizio Muzzupappa annunciando che si lavorerà sempre di più affinché questo percorso si traduca in un’opportunità per gli studenti e i laureati di realizzare le ambizioni professionali nella propria terra.

Che cos’è UniCaLab

È il Contamination Lab dell’Università della Calabria, percorso di formazione e contaminazione delle conoscenze per lo sviluppo di idee imprenditoriali innovative, aperto a studenti e laureati.


di Redazione | 27/07/2022

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it