We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Mandatoriccio (Cosenza) - "Pregate!"


di DON MICHELE ROMANO - Oggi il Vangelo (Mt 9, 32-38), ci racconta la guarigione di un indemoniato muto, che finisce per provocare, due opposte reazione: Nei Farisei, che di fronte alla prova innegabile del Miracolo, attribuiscono tutto a poteri demoniaci: "Egli scaccia i demòni per opera del principe dei demòni" (v 34). Infatti, secondo le credenze antiche, ogni malattia, era sempre provocata da un demonio, la guarigione avveniva quindi, con la cacciata del demonio); Mentre la Folla, rimane stupita: "Non si è mai vista una cosa simile in Israele" (v 33b). Gesù, non si è mai preoccupato dell'ostilità e della perfidia dei Farisei, Lui è sempre rimasto fedele alla sua Missione, tant'è che mentre loro da buone "guide cieche", anziché pascere, disperdevano il Gregge, Gesù da Buon Pastore, "ne sentiva compassione" (v 36a), perché vedeva quelle folle stanche e sfinite, proprio "come pecore che non hanno pastore" (v 36b). Ancora oggi, tre terzi dell'umanità, non conosce l'annuncio del Vangelo:"La Messe è abbondante...", una moltitudine che attende la predicazione del Regno di Dio. A questo si aggiunge, in maniera preoccupante, la scarsezza degli operai. Perciò Gesù ci raccomanda l'unica soluzione possibile:  "Pregate, dunque, il Signore della Messe, perché mandi operai nella sua Messe" (v 38). Opportunamente, oggi, il brano del Vangelo, ci presenta un muto, e per di più indemoniato. La vera mutevolezza, è il peccato dell'uomo, che non sa parlare a Dio, non sa rivolgere a Lui una Preghiera, come anche ascoltare la sua voce. La salvezza operata da Gesù, è un invito a tanti credenti, affetti da sordità e mutevolezza, a supplicare il Signore, perché la sua Messe, non manchi di validi e generosi operai. Come Gesù andava per tutte le città e i villaggi, per raggiungere tutti e salvare tutti, così ogni buon discepolo, inviato in missione, deve poter continuare la Sua opera, riassunta nei tre grandi verbi: Insegnare, predicare, e curare, con la stessa dedizione e amore gratuito del Maestro (Mt 10, 8 ; 1Pt 5,1-4). "Pregate": Solo la Preghiera ci porterà alla piena adesione, al piano di salvezza di Dio, e ci aiuterà a prendere coscienza della nostra chiamata, per collaborare responsabilmente alla sua realizzazione. Come il Signore Gesù, provava "compassione", per le tante persone che incontrava, così anche noi, siamo chiamati a diventare "trasparenza" del Vangelo, a rendere accessibile Dio ad ogni persona. In fondo, tutti eravamo "muti", a causa del peccato, ma ora che possiamo "parlare", raccontiamo a tutti "le grandi opere del Signore". Questo è il vero compito della Chiesa: Divenire la compagnia di Dio agli uomini! Non "fredda" struttura, non "ottimale" organizzazione, ma Profezia di un mondo "altro ed elevato", capace di vivere "insieme" (Che gran bella parola la "Sinodalità"), di crescere e costruire il "sogno" di Dio! Consapevoli che Dio, non toglie il dolore dal mondo, ma lo abita, in tanti uomini e donne che lo hanno saputo accogliere, raccontare, e vivere, sforziamoci anche noi, di essere la tenerezza di Dio, per tutte le persone che oggi mette sul nostro cammino, contribuendo alla loro serenità, magari offrendo loro, il sorriso di Dio! Una serena giornata. 


di Parr. S. Giuseppe Mandatoriccio Mare | 05/07/2022

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it