We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - Non avrò vissuto invano


di LETIZIA GUAGLIARDI - Emily Dickinson scrisse la seguente breve ma intensa poesia nel 1919. Solo pochi versi per trasmettere quello che per lei era il senso della vita. Aveva capito che anche cose piccole e semplici potevano dare valore alla sua esistenza. NON rinchiudersi in se stessa. NON lamentarsi della sua solitudine. NON invidiare e nemmeno provare rancore.

Se io potrò impedire

a un cuore di spezzarsi

non avrò vissuto invano.

Se allevierò il dolore di una vita,

o guarirò una pena,

aiuterò un pettirosso caduto

a rientrare nel nido,

non avrò vissuto invano.”

A pag. 237 di “Ti scrivo per abbracciarti” in un giardino abbandonato c’è una vecchia insegna su cui qualcuno ha inciso proprio questi versi. Sarà stato qualcuno che, felice per aver trovato un valido scopo alla propria vita, ha voluto inciderlo sul legno perché altri potessero leggerlo?

Tutti vogliono trovare lo scopo del proprio vivere. Per esempio, Beatrice – la protagonista – l’ha trovato nel superare il proprio dolore per poi riprendere ad amare Dio, se stessa e gli altri. Camilla – altro personaggio importante della storia – nell’aiutare una famiglia di ebrei a sfuggire al rastrellamento del ghetto di Roma durante la Seconda guerra mondiale. L’ingegner Cairoli nel diventare sempre più ricco e potente. Purtroppo lui, come tanti, a un certo punto si rende conto che per buona parte della sua vita non ha fatto altro che correre dietro al vento. Proprio come l’autore del libro dell’Ecclesiaste, uomo di grande saggezza, che un giorno si lanciò una sfida. Eccola:

Io intrapresi grandi lavori; mi costruii case; mi piantai vigne; mi feci giardini, parchi, e vi piantai alberi fruttiferi di ogni specie; mi costruii stagni per irrigare con essi il bosco dove crescevano gli alberi; comprai servi e serve, ed ebbi dei servi nati in casa; ebbi pure greggi e armenti, in gran numero, più di tutti quelli che erano stati prima di me a Gerusalemme; accumulai argento, oro, e le ricchezze dei re e delle province; mi procurai dei cantanti e delle cantanti e ciò che fa la delizia dei figli degli uomini, cioè donne in gran numero. Così divenni grande e superai tutti quelli che erano stati prima di me a Gerusalemme; la mia saggezza rimase essa pure sempre con me. Di tutto quello che i miei occhi desideravano io nulla rifiutai loro; non privai il cuore di nessuna gioia; poiché il mio cuore si rallegrava di ogni mia fatica”.

Ma poi arriva a questa scoperta:

"Poi considerai tutte le opere che le mie mani avevano fatte, e la fatica che avevo sostenuto per farle, ed ecco che tutto era vanità, un correre dietro al vento, e che non se ne trae alcun profitto sotto il sole.” (Eccl. 2:11).

E, infine, alla constatazione di cosa rende la vita degna di essere vissuta:

Temi Dio e osserva tutti i suoi comandamenti, perché questo è il tutto per l’uomo” (Ecclesiaste 12:15)

La volontà di Emily Dickinson era quella di NON VIVERE INVANO. Sei d’accordo con lei?


di Letizia Guagliardi | 06/07/2022

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it