We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Mandatoriccio (Cosenza) - Sale e Luce !


di DON MICHELE ROMANO - Oggi nel Vangelo  di Matteo (Mt 5, 13-16), Gesù spiega le caratteristiche proprie della "missione" di ogni Cristiano, essere sale e luce del mondo!  "Voi siete il sale della terra"(v 13); come il sale serve a dare sapore, così il Cristiano deve mostrare la gioia e la serenità tipica di chi sa, di essere figlio di Dio, e che in questa vita siamo tutti in "pellegrinaggio", in cammino verso la Santità. Solo così, le Beatitudini, la Carta Costituzionale del Regno, per ogni Cristiano, diventeranno criterio e metro, per ogni nostra azione. Che poi non manchino le difficoltà, le sofferenze, i dolori, sono da considerarsi, tempi e momenti di purificazione, in vista della Gloria futura, dove ci attende la gioia senza fine. Altra caratteristica del sale, è la "durata". Come il sale, il vero discepolo di Cristo, deve preservare dalla corruzione. Il sale, si sa, di per sé non può mai perdere il suo sapore, tuttavia, il linguaggio allusivo di Gesù, sul sale che può "perdere" il sapore, è verosimile, e va contestualizzato. Allora, succedeva, che veniva usato il sale, prelevato dal vicino Mar Morto (Così chiamato per la densità salina che lo caratterizza, che non consente alcuna forma di vita, né di flora, né di fauna),le cui proprietà saline, duravano circa un mese, e poi diventava semplice terriccio, da buttare. Così il cristiano vero, deve avere una fede viva, sempre alimentata dalla preghiera, dalla solidarietà, dalla piena comunione col Signore. Questa è garanzia di durata,  opposizione decisa ad ogni forma di ingiustizia, di violenza o abusi, verso i più deboli, perché se il sale "perde" il suo sapore, non serve a nulla. Anche noi, se viviamo la radicalità del Vangelo, con superficialità, non "saliamo" niente e nessuno: né la nostra vita, né, tantomeno, quella degli altri. E con questo impegno, che il vero discepolo del Signore, diventa anche "luce" del mondo (v 14), fiaccola di luce che con l'esempio della sua vita, porta la luce della sua testimonianza, ovunque, fino ad illuminare ogni dove, rischiarando luoghi ed ambienti dove prima c'erano solo tenebre, incertezze, e dubbi. Interessante notare, come Gesù, non dica "Voi avete il sale"..., "Voi avete la luce...", ma dica molto di più. Avendo la Fede, che ci identifica come persone "credenti", può specificare: "Voi siete il sale...,voi siete la luce...", a dire che noi siamo la nostra Fede. Se non diamo "sapore" alla nostra vita, 
se la nostra presenza di Cristiani, non rende sapida, la vita di chi ci circonda, significa che non abbiamo mai, veramente, incontrato Cristo. Se non siamo in grado di fare "luce", è perché non siamo stati ancora "accesi", dal fuoco di Gesù, l'unico che può dare "sapore" e "luce", alla nostra esistenza. Una serena giornata.


di Parr. S. Giuseppe Mandatoriccio Mare | 07/06/2022

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it