We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Crosia (Cosenza) - Anche uno studente del Liceo di Mirto fra i vincitori del Premio Asimov 2022


I vincitori del prestigioso Premio Asimov, giunto alla sua VII edizione, sono stati accolti e celebrati nell’Aula Caldora, Aula magna storica dell’Università della Calabria.  Organizzato dalla sezione calabra dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, l’evento vede coinvolti complessivamente 12.302 studenti, 830 docenti,168 città e 16 regioni italiane. La cerimonia, condotta dal coordinatore regionale, Prof. Alessandro Papa, ha offerto una grande occasione di confronto e di approfondimento in merito a quelle che sono state classificate come le migliori recensioni redatte dagli studenti, in relazione ai cinque libri finalisti selezionati dalla commissione nazionale del Premio Asimov: Paolo Alessandrini, Bestiario matematico, Hoepli, 2021, Marco Ciardi, Breve storia delle pseudoscienze, Hoepli, 2021, Agnese Collino, La malattia da 10 centesimi, Codice, 2021, Paul Sen, Il frigorifero di Einstein, Bollati Boringhieri, 2021, e infine Licia Troisi, La sfrontata bellezza del cosmo, Rizzoli, 2020.

Presente, con grande orgoglio, anche l’Istituto di Istruzione Superiore di Cariati diretto dalla DS Prof.ssa Sara Giulia Aiello, grazie al mirabile lavoro dello studente Alessandro Mazziotti del Liceo Scientifico di Mirto. 

Ad accompagnare il nostro studente, il Prof. Gianfranco Manna, moderatore della sessione del Premio Asimov riguardante la presentazione delle recensioni del libro di Marco Ciardi, Breve storia delle pseudoscienze.

Alessandro Mazziotti, presentando la recensione redatta sul libro di Paolo Alessandrini, Bestiario matematico, ha orientato le sue riflessioni sul senso della bellezza della matematica, un mondo  sorprendente, in cui ci si imbatte talvolta in bestie mostruose che solo i matemaghi possono domare. L’osservazione riflette dunque una nuova prospettiva che possa in parte disciogliere la rigida freddezza dei complessi formalismi, al fine di comprenderne meglio il corpus, cogliendone il fascino sotteso.

Il Prof. Gianfranco Manna, previ i doverosi ringraziamenti al Prof. Alessandro Papa per aver dato l’opportunità di vivere un’esperienza così bella e prestigiosa che trova, nella lettura che colga i dettagli, una solida occasione di crescita umana e culturale, e dopo aver puntualizzato sul metodo come differenziale tra scienza e pseudoscienza, ha introdotto gli studenti Nicola Fiala’ del Liceo “ G.Berto” di Vibo Valentia e Antonella Nirta dell’IIS “La Cava” di Bovalino, ad esporre le loro recensioni sul libro di Marco Ciardi.

Lo studente Fiala’, parafrasando Benedetto Croce, ritiene il libro un sorta di “Manifesto degli intellettuali anti-complottisti”, uno strumento di analisi sociale, individuando nell’ ignoranza la radice dei tanti dilemmi che caratterizzano l’evoluzione del genere umano.

La studentessa Nirta, esordendo dalla descrizione del rapporto di complementarietà che lega la  scienza alla pseudoscienza, ritiene invece che il libro di Ciardi solleciti plurime riflessioni ed interrogativi, rivelando così le basi più idonee al superamento dei pregiudizi.

Grande è stata la soddisfazione generale, profondamente radicata nella comune percezione di un’atmosfera platonica, raffigurazione di una Scuola che educhi al pensiero critico, facendosi  suolo fertile sul quale Mithos e Logos - narrazione e razionalità - si intreccino in un abbraccio armonico di confronto, di riflessione, di bellezza, di amore.


di Redazione | 14/05/2022

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it