We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - La risposta c'è: nel vento


 di LETIZIA GUAGLIARDI - La seguente canzone è  è “Blowin’in the wind” di Bob Dylan, scritta nel 1962. Quante strade deve percorrere un uomo prima che tu possa definirlo uomo? E su quanti mari deve volare una colomba bianca prima di riposare sulla terraferma?
E quante volte devono fischiare le palle di cannone prima di essere proibite per sempre? 
La risposta, amico mio, ascoltala nel vento, la risposta ascoltala nel vento.
Per quanti anni può resistere una montagna prima di essere erosa dal mare?
E quanti anni possono resistere gli uomini prima che sia consentito loro di essere liberi? 
E per quante volte un uomo può distogliere lo sguardo e fingere di non vedere? 
La risposta, amico mio, ascoltala nel vento, la risposta ascoltala nel vento. 
Quante volte un uomo deve guardare in alto prima che possa vedere il cielo? 
E quante orecchie deve avere un uomo prima di poter sentire gli altri che piangono? 
E quante morti ci vorranno prima che l’uomo riconosca che troppi sono morti?
La risposta, amico mio, ascoltala nel vento, la risposta ascoltala nel vento.

Come dice il ritornello alla fine di ogni strofa, la risposta a tutte queste domande c’è, e sta soffiando nel vento. Per questo bisogna stare all’erta e avere le orecchie attente e gli occhi ben aperti. Solo così possiamo riconoscere quel vento leggero, appena un soffio, ma così potente che tutto cambia, sconvolge e rinnova.

Eppure il vento soffia ancora
Spruzza l’acqua alle navi sulla prora
E sussurra canzoni tra le foglie
Bacia i fiori, li bacia e non li coglie

Eppure sfiora le campagne
Accarezza sui fianchi le montagne
E scompiglia le donne fra i capelli
Corre a gara in volo con gli uccelli
Eppure il vento soffia ancora.

Così cantava Pierangelo Bertoli: eppure, nonostante tutto, il vento soffia ancora. Non smette di soffiare.

E tu, amico mio, amica mia, hai guardato in alto per vedere il cielo? Riesci a guardare al di là delle nuvole, dense e grigie? L’hai trovato il vento? Hai imparato ad ascoltarne le risposte? Ma, soprattutto, chi è per te il vento?

Prenditi un po’ di tempo per queste domande ma fallo nel silenzio. Perché anche il silenzio ha un suono, come cantavano Simon e Garfunkel (“The sound of silence”).

Magari è quello del vento. Forse quello che soffia le risposte. Chissà.. proprio quelle che stai cercando.


di Letizia Guagliardi | 23/03/2022

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno studio sociologia Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it