We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - Io, Covid, oscurato da una guerra


di LETIZIA GUAGLIARDI - Cari umani, è passato molto tempo dalla mia ultima lettera e se sono stato zitto finora (nel senso che non vi ho scritto niente) è perché tutto procedeva bene (secondo i miei piani). Per tutto questo tempo siete stati bravi, vi siete contagiati l’un l’altro, e non c’è stato un solo giorno in cui io non sia stato nominato. Ho fatto la fortuna, in TV, dei tanti virologi, microbiologi, infettivologi, immunologi, anestesisti-rianimatori, pneumologi, epidemiologi e astrologi. E dei tuttologi, anche.

Ogni giorno, puntuale, il bollettino di guerra: quanti contagi, quanti ricoveri, quanti vaccinati, quanti no, quanti decessi. E poi quante parole nuove vi ho fatto apprendere: hub, booster (che non ho capito perché non dite “richiamo”), droplet, lockdown, smart working e altre ancora.

Pensavo di restare sulla cresta dell’onda – cioè sui social – per tanto tempo ancora: cos’altro ci poteva essere di più grave e imprevedibile di me? E invece…

E invece è successa, il mese scorso, una cosa ancora più grave e ancora più imprevedibile che mi ha oscurato, mi ha fatto passare in secondo piano e mi avete fatto inc…are tantissimo.

In tutti i Tg non sono più la prima notizia, vengo verso la fine. Nei vari talk show non appaiono più i virologi e tutti gli altri, ora ci sono altri esperti. Quello che rimane è il bollettino di guerra (nel vero senso della parola): quanti feriti, quanti sfollati, quanti morti.

Ma ora voglio darvi un avvertimento: STATE ATTENTI PERCHÈ IO NON ME NE SONO ANDATO. Io ci sono sempre, anche adesso. Dovete solo sperare che io non approfitti della promiscuità nei rifugi, nelle code ai supermercati, nei bunker e nei treni affollati. E dovrei forse lasciar stare i soldati, molti dei quali so bene che non hanno scelto loro di essere arruolati?

Ancora una volta scopro che anch’io, forse, ho un cuore. Quasi provo pena per voi: oltre ai tanti problemi e problemini che già avevate ora ne avete due in più e pure belli grossi. A mia discolpa posso dire che neanche stavolta io c’entro: voi umani (almeno una parte di voi) è davvero brava a procurarsi i guai. Sono veramente strabiliato per questo.

Anche adesso starò a guardare come reagite. Datevi da fare, rimboccatevi le maniche e lottate. Come vi ho già detto nelle mie precedenti lettere, non mi diverto quando il gioco è troppo facile per me.

In bocca al Covid…scusate… al lupo!

Coronavirus

P.s.: Se volete leggere le mie precedenti lettere le trovate nella sezione “Lettere da Coronavirus” in cui, ancora una volta, mi sono intrufolato.


di Letizia Guagliardi | 16/03/2022

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno studio sociologia Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it