We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Mandatoriccio (Cosenza) - Stare con Lui


di DON MICHELE ROMANO - La pagina del Vangelo di oggi (Mc 3,13-19), ci offre le coordinate di base per ogni Vocazione:1)- La "Scelta": "Il Signore ci ha scelti, prima della creazione del mondo, ci ha destinati ad essere santi" (Ef 1,4); 2)- E lo "Stare con Lui", per modellarci in Lui:"Io ho scelto voi, e vi ho costituiti perché andiate..."(Gv15, 16). Nella scelta dei Dodici (Numero altamente "simbolico", da mettere in relazione con le 12 Tribù presenti al Sinai, per formare la prima comunità dell'Alleanza (Es 24,4 : Dt 1, 23), Gesù manifesta la chiara volontà, di associare altri alla sua Persona, e alla sua opera,  creando, così, la comunità della Nuova ed Eterna Alleanza. Missione che deve trovare nel "contatto con Lui"(Mc 3,14), la sorgente di ogni Apostolato. 
Il Signore ha chiamato anche me, anche noi tutti. "Obbedendo" alla nostra Vocazione, scopriremo i talenti e le qualità che il Signore ci ha donato, capiremo il perché della nostra esistenza, ma soprattutto, sentiremo di essere pienamente "noi stessi", prendendo coscienza di quale "parte" ci ha affidato nell'opera della Redenzione!
Il Signore affida anche a noi, oggi, come nuovi Apostoli ("Inviati",  "Rappresentanti") della sua Chiesa, il compito di "...Annunciare il regno di Dio e a guarire gli infermi "(Lc 9,2). Gesù conosce tutti, uno ad uno..."E convoca quelli che ha voluto", e lo fa sul Monte (Sì,  perché per Marco, la Montagna, indica soprattutto, il luogo delle rivelazioni Divine, mentre il mare, appare come il luogo della prova - Mc 4, 35-39), ed impone ad ogni Apostolo, un Nome, che caratterizzerà ciascuno in modo diverso e per sempre (Simone/Pietro; i fratelli Boanèrghes; il figlio di Alfèo; il Cananèo; l'Iscariòta..."), ma soprattutto si "fida" di loro, ben consapevole, che verrà tradito e rinnegato. È il prezzo che deve pagare, per rimanere fedele alla volontà del Padre, e realizzare così, il progetto della nostra Redenzione. Questo dice a noi, che non basta "proclamare" la volontà di Dio, occorre la conversione del cuore, essere fedeli al Signore e alla sua Parola. In breve, occorre eliminare l'ostacolo, che più impedisce la nostra relazione vitale con Lui: il Peccato, rompendo, così, le catene della cattiveria, della superbia, e della vanagloria. Viviamo ogni nostra Vocazione, seguendo l'esempio di Gesù, con coraggio e fiducia, e se ci saranno momenti di caduta, di debolezza, o allontanamento, la sua mano sarà sempre pronta a risollevarci.  Infatti Gesù, costituendo i Dodici, non ha voluto realizzare una "comunità di puri"(Di "Cataròi), o impeccabili (Il Vangelo ce ne dà conferma), ma ha voluto coinvolgere uomini, presi tra la gente comune, con pregi e difetti, perché vivessero una "compagnia reale", con Lui ("Stare con Lui", appunto!). Anche la nostra "Missione", nasce dall'essere innestati in Cristo, e la nostra prima occupazione (Anzi, meglio dire :"Preoccupazione"), sia proprio quella di "restare" uniti con Lui, come "I tralci alla vite"(Gv15,1ss). A tutti, una santa giornata.


di Parr. S. Giuseppe Mandatoriccio Mare | 21/01/2022

Pubblicità

Il 25 gennaio un corso formativo su Sovvenire e 8 per mille

Pietrapaola: Il 25 gennaio un corso formativo su Sovvenire e 8 per mille

Cosenza, 21/01/2022
di Parr. S. Maria Pietrapaola

vendesi tavolo da disegno Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it