We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Cariati (Cosenza) - Ospedale di Cariati, Tavernise (M5S): “Da Covid hospital a ospedale di zona disagiata


“Il Vittorio Cosentino deve tornare a erogare efficaci servizi sanitari ad un territorio vasto e indebitamente colpito, per anni, nei diritti sociali. L’ormai prossima destinazione, dell’ospedale di Cariati,  a Covid hospital, per come ho sollecitato, da ultimo, al Presidente Occhiuto in una nota, non può, dunque, che essere accolta con favore. La struttura, come ho sottolineato nella stessa nota, offre le adeguate caratteristiche per entrare in funzione in tempi brevissimi a questo scopo”. Così il Capogruppo del M5S, presso il Consiglio regionale della Calabria, Davide Tavernise, a commento del recente annuncio del Presidente Occhiuto sull’ipotesi di destinazione a Covid hospital dell’ospedale di Cariati.

“Quella a favore della riapertura del Vittorio Cosentino è una causa che ho sposato anni fa, nel mio percorso da attivista del territorio, ponendomi accanto ai cittadini di Cariati, ottenendo, da comunità unita, l’assegnazione di tre nuovi OSS, a tempo indeterminato, nel gennaio dello scorso anno. Un piccolo passo, a cui si aggiunge la prossima destinazione, in attesa del formale provvedimento, a Covid hospital – continua Tavernise.

Da Crotone a Roseto Capo Spulico, oltre 145 km di costa, con infrastrutture inadeguate, i cittadini possono beneficiare del solo pronto soccorso di Corigliano Rossano. Un territorio vasto, enorme, di fatto privato di assistenza sanitaria in caso di emergenze. Temi questi, che ho condiviso con il Presidente Occhiuto in occasione del nostro incontro a dicembre, presso la Cittadella”.

“Nell’ultimo, approvato, bilancio regionale – prosegue Tavernise - la Calabria ha certificato oltre 260 milioni di mobilità passiva. Come ho avuto modo di affermare nel corso del Consiglio regionale, destinato all’approvazione delle linee programmatiche, dunque al futuro della nostra regione, quando si parla di mobilità passiva, di cittadini che lasciano la Calabria per curarsi, non si può non pensare all’ospedale di Cariati, e a tutte quelle strutture illegittimamente chiuse, che pur offrono la concreta possibilità di curare i nostri concittadini. La politica regionale calabrese deve pertanto riaprire tali strutture e restituire dignità”.

“Dopo il formale provvedimento, per la destinazione a Covid hospital – conclude il consigliere pentastellato - il prossimo obiettivo, per cui continuo il mio impegno di sollecitazione, da consigliere regionale, è quello dell’inserimento del Vittorio Cosentino nel redigendo Piano Operativo Regionale in qualità di  'Ospedale di zona disagiata', per l’attivazione di un pronto soccorso per acuti, con annessi servizi collegati. Come da impegni presi dal Presidente Occhiuto”.

 


di Redazione | 09/01/2022

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno studio sociologia Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it