We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Mandatoriccio (Cosenza) - Magnificat


di DON MICHELE ROMANO - Nella casa di Elisabetta e Zaccaria, oggi ascoltiamo il Magnificat (Lc 1, 46-55), un "magnifico" Poema, che è sgorgato dalle labbra, o meglio, dal cuore di Maria, per ispirazione dello Spirito Santo :" La mia anima, loda il Signore.."! Maria ha ricevuto la grazia più straordinaria, è stata eletta da Dio, fra tutte le donne della Storia, per essere la Madre di quel Messia, atteso da sempre, da tutta l'Umanità .
Questo onore, unico ed eccelso, Lei lo ha ricevuto nella più assoluta semplicità ed umiltà, rendendosi conto che "Tutto è Grazia", che Ella è nulla, davanti all'immensità della Potenza e della Grandezza di Dio, che in Lei ha compiuto meraviglie (Lc 1,49) .  
Che grande lezione di vita per noi tutti, figli di Adamo, ed  eredi di una storia umana, profondamente segnata, da quel peccato originale, del quale ogni giorno,  purtroppo, accusiamo le conseguenze .
E pensare che, da sempre, Dio così come ha fatto nella Creazione, che, cioè, dal nulla creò tutto, continua ancora oggi (E così sarà per sempre !), a trarre dalle piccole cose, da tutto ciò che è misero, disprezzato, morto..., quanto c'è di più  prezioso, beato,  e vivente .
Così come riduce a niente,   tutto ciò che è orgoglio, superbia, posizione di onore e ricchezza in questo mondo ! Dio guarda solo verso "il basso", non verso l'alto : " Benedetto sei tu, Signore, che penetri con lo sguardo  gli abissi "(Dn 3,55).
Così si esprime anche il Salmo 137 :"In alto sta il Signore, ma si prende cura dei piccoli, da lontano riconosce il superbo "!
Ecco perché,  quanto più uno si trova "in basso",  tanto meglio Egli lo vede . Ma i nostri occhi, tante volte, rifuggono dal guardare "in basso" (Vivere cioè, da persone umili e semplici), dove c'è povertà, bisogno, e  sofferenza .
Anzi, c'è quasi una gara ad una vita comoda e agiata,  corse frenetiche ad ambire  traguardi di dominio sugli altri, e mania di grandezza :" C'è
gente così superba e sicura di sé, che guarda gli altri dall'alto in basso (Pr 30, 13) . Solo Dio sa "vedere",  chi si trova nel dolore più profondo e nell'afflizione, ed è vicino a tutti coloro che si sentono "scartati" e "scansati" :"Egli resiste ai Superbi, ma dà grazia agli umili (1Pt 5, 5b).
 È da questo abisso di mistero e sofferenza, che salgono a Dio, in questo tempo del Santo Natale, tutto l'amore e la lode, che la Madonna, ispirata dallo Spirito Santo, innalza oggi a Lui, col meraviglioso Cantico del Magnificat . Siamo così giunti agli ultimi giorni del tempo di Avvento, un tempo per tutti di conversione e di purificazione, pertanto,  chiediamo a Maria che ci insegni Il cammino migliore, per raggiungere, con la stessa sua fiducia ed umiltà, la grotta di Betlemme . Buona giornata .


di Parr. S. Giuseppe Mandatoriccio Mare | 22/12/2021

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it