We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Crosia (Cosenza) - Il pianista Louis Giò Palopoli (11 anni) ammesso al Triennio Accademico del Conservatorio


Il giovanissimo Louis Giò Palopoli (appena 11 anni) è stato ammesso al Triennio Accademico presso il Conservatorio “Stanislao Giacomantonio” di Cosenza. E’ soltanto un bambino. Va regolarmente a scuola e frequenta la prima media, nel locale Istituto comprensivo di Crosia, ma ha già al suo attivo la partecipazione a oltre 50 concorsi internazionali, effettuati in soli 3 anni, conquistando i primi posti assoluti, premi speciali, concerti premi, borse di studio e trofei. Sta girando l’Italia in lungo e in largo. È considerato dalle diverse giurie internazionali il “piccolo Mozart”. Una vera e propria giovane promessa del pianismo italiano. I pezzi che egli propone non sono semplici brani che vengono affidati a un bimbo. Infatti, nonostante la sua tenera età, ha un repertorio di alto livello, come ad esempio Bach: Fuga Bwv 952, il Contrappunto Bwv 1080 n° 2; Scarlatti: Sonata K1, Toccata; Beethoven: Variazioni sul tema Paisiello; Mozart: Sonata KV 310; Chopin: Studio op. 10 n° 3 e 9, op. 66 Fantasia Improvviso, Polacca op. 53, Notturno n° 20, Valzer op. 64 n° 1; Rachmaninoff: Momento Musicale op. 16 n° 4 e Preludio op. 23 n° 5; Volodos: Marcia Turca; LISTZ: op 1 n° 1 e la Campanella. Insomma, pezzi molto impegnativi che soltanto un pianista di grande esperienza riesce a eseguire con la disinvoltura che contraddistingue Louis Giò Palopoli. E’ già un ottimo musicista. Non è portato ad autoesaltarsi. Parla poco delle performance. Ancora di meno degli ottimi risultati raggiunti. L’ammissione al Conservatorio cosentino ha rappresentato per Louis Giò un importante traguardo, che ha commentato con gioia. “Ho la passione per la musica e il  pianoforte in particolare, perché mi dà tanta gioia e soddisfazioni. Ho iniziato a strimpellare sui tasti da piccolissimo”. Il giovane pianista va oltre. Stavolta si è aperto ai commenti. Ha confidato le sue emozioni. “Ero ancora tanto piccolo e ho affrontato le paure, soprattutto quando di fronte a me avevo chi, in quel momento, doveva giudicarmi. E’ vero, la mia mamma era sempre accanto a me, ma ero io a sedere su quello sgabellino. Ero io che dovevo esibirmi. Poi, l’attesa di un giudizio da parte della Commissione”. Un’attesa continua per Louis Giò, se si considerano gli innumerevoli concorsi. Anche stavolta, per l’esito che gli consentirà  un nuovo percorso di studi, c’è stata tanta apprensione. “Sono stato ammesso al Triennio Accademico presso il Conservatorio di Cosenza – ha detto - con un eccellente voto”. Il piccolo pianista ha ringraziato la Commissione Esaminatrice: i maestri  Calvelli, Consales e Rubino, per la gioia che gli hanno regalato. Allo stesso musicista non sono mancate parole di riconoscenza verso tutti coloro che hanno contribuito negli anni alla sua formazione pianistica. Ma non ha dimenticato la sua “maestra di vita”, la mamma che, insieme al papà, sono sempre al suo fianco per sostenerlo e incitarlo. Infine, il suo ricordo a chi lo protegge da lassù. La frequenza e lo studio presso il Conservatorio rappresenta un ulteriore sforzo per il piccolo pianista. “Sarà un impegno faticoso – ha commentato - ma spero di riuscirci nel migliore dei modi”.  (Ant.Iap.)


di Redazione | 03/11/2019

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno studio sociologia Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it