We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Crosia (Cosenza) - Commercianti ieri e oggi. Cos’è cambiato? Ecco alcune testimonianze


di ANTONIO IAPICHINO - Essere commercianti oggi. Cosa significa esercitare nel 2019 uno dei lavori più antichi in una piccola – media comunità come quella di Crosia? Ci sarebbero mille quesiti da porre a coloro che svolgono il lavoro di commerciante nella cittadina ionica. Attraverso alcuni rappresentanti di questa categoria si è cercato di capire come vanno oggi le cose. È emerso sostanzialmente che ora la gente tende ad acquistare dove si risparmia. Anche online. Rispetto al passato c’è maggiore propensione verso la rateizzazione. “Si sta perdendo il “contatto umano” fra commerciante e cliente”. Le persone trascorrono ore e ore nei grandi centri commerciali. Immacolata Salerno, (foto) che insieme al marito, Giuseppe Tordo (foto) , 20 anni addietro,  ha  fondato la Gioielleria Kreusa, ha spiegato che ora essere commercianti è un impegno maggiore rispetto al passato. Maggiori difficoltà, anche, da un punto di vista burocratico, nella gestione quotidiana del proprio esercizio, oltre, ovviamente, a dover fare i conti con il “fattore Internet” e gli acquisti tramite la rete. La signora Salerno ha parlato, inoltre, del rapporto con i clienti, ai quali, giornalmente, suggerisce il  prodotto più consono per la singola persona. Proprio per aumentare i servizi alla clientela “ci siamo dotati – ha detto – dell’orafo di famiglia, Domenico Tordo, il quale offre tanti input alle persone che frequentano la nostra attività”. Infine, il suggerimento di Immacolata Salerno: “Acquistare presso i negozi della propria area territoriale, perché si ricevono i giusti consigli, senza sottovalutare l’assistenza post vendita”. Pasquale Vulcano, titolare dell’enoteca “Il bottino”. ha effettuato una diversificazione fra la piccola – media comunità come Mirto Crosia rispetto a realtà più grandi, dove l'offerta di prodotti e servizi è più a portata di mano. “Da comuni come il nostro – ha riferito espressamente -  è spesso necessario spostarsi (e di molto) per avere qualcosa. Questa è sostanzialmente, la grande differenza/uguaglianza col passato! In questo senso, la capacità di "spostarsi" molto più agevolmente, propria del mondo "moderno", soprattutto tramite internet, rende la tecnologia un competitor temibilissimo per il piccolo commerciante, soprattutto in tempi di ridotte disponibilità economiche”. Vulcano è d’accordo con la Salerno per quanto attiene Internet: “Fermandosi al solo filtro del "fattore prezzo" non c'è gara con l'e-commerce, perché attraverso il pc non passa niente di quello che invece diventa poi evidente nel rapporto diretto con le persone, in negozio: qualità del prodotto e soprattutto, qualità del servizio”. Dal titolare del “Bottino” il suggerimento a creare a Mirto una via commerciale “Nel nostro paese ci siamo circa 300 commercianti, ma siamo così sparsi e frammentati sul territorio, che talvolta nemmeno si sa che determinati servizi esistono e sono disponibili nel nostro comune”. Vincenzo Licciardi, titolare dell’azienda Thot, soluzioni informatiche e poste private, ha spiegato che “nel 2019, con l'avanzamento dei sistemi  commerciali digitali, é sempre più difficile e impegnativo stare al passo con la concorrenza”. E ha aggiunto: “Il nostro punto di forza é la vicinanza e il contatto diretto con il cliente nonché l'assistenza diretta e veloce. Una stretta di mano, uno sguardo negli occhi e un sorriso, ci avvicinano e danno fiducia al consumatore, molto più di un click e di una recensione. In passato – ha detto Licciardi - questi erano condizioni fondamentali, ora purtroppo sono sempre meno, quindi, stiamo cercando di espandere i servizi piuttosto che la semplice vendita”. Non ha sottovalutato i rischi, che purtroppo “ci sono e sono tanti. Comunque tutti dettati dall’eccessiva pressione fiscale e dallo stato di "crisi finanziaria permanente", che la nostra comunità sta vivendo da un decennio a questa parte”. Di positivo, invece, il contatto diretto con le persone, di ogni tipologia sociale e culturale, con le quali ci relazioniamo e confrontiamo”. E ha concluso evidenziando che “il confronto é l’aspetto più positivo, perché ci aiuta a crescere”. Per Celestina Straface, titolare di un’attività di materiale elettrico, il 2019 rappresenta un anno importante: il quarantesimo di attività commerciale, “periodo fatto di alti e bassi e di tanti sacrifici per poter tenere in piedi un'attività con tutto ciò che questa comporta”. A giudizio della signora Straface, “lavorare in una comunità come Crosia significa conoscere tutti, soprattutto a livello umano. Questo comporta non avere un semplice e freddo rapporto commerciale con le persone, ma un contatto reale che ci ha permesso di non "annoiarci" in questi anni”. Proprio in merito a questo aspetto ha riferito come siano cambiate un po’di cose. “Oggi – ha detto - abbiamo tutti fretta e le esigenze sono mutate. 40 anni fa per avere un prodotto disponibile ci si poteva impiegare anche 10 giorni. Oggi,  tra internet e il commercio elettronico, le attese si riducono a 24 ore lavorative. Adesso i  clienti vengono già con le idee "troppo chiare" proprio grazie all'apporto di internet, mentre prima ci si affidava al venditore. Sono aumentate le pretese, ma in ogni caso ci relazioniamo ai nostri clienti fornendo loro supporto tecnico e conoscenza e tanta pazienza che altrimenti on line non troverebbero. Questo è stato possibile alla presenza di mio marito, Franco Spagna, elettricista di mestiere che negli anni ha svestito i panni del professionista e ha indossato quelli di commerciante ma con un bagaglio di conoscenza invidiabile  da mettere a disposizione dei clienti ed è stato migliorato e coadiuvato dall'apporto diretto e indiretto dei due miei figli entrambi ingegneri, che hanno ampliato l'offerta facendo si che la nostra attività si adeguasse ai tempi”.


di Redazione | 02/03/2019

Pubblicità

Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2024 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it