We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - San Bernardino invaso per Mademoiselle. Grandi numeri per un evento di qualità


Rossano Città del Codex 2016, successo straordinario di pubblico e di emozioni ieri sera (venerdì 26) a Palazzo San Bernardino per il concerto di Mademoiselle et son orchestre. Circa mille persone hanno letteralmente invaso il magico Chiostro del Palazzo delle Culture nei due diversi momenti dell'esibizione, elegante e travolgente, della giovane artista canadese divenuta in pochi anni la più famosa cantautrice francofona in Cina ed in Oriente.

 Applausi e grande partecipazione nelle due ore intense di jazz manouche dedicate alla grande tradizione della chanson francese. Ma non solo.

 Da La Javanaise di Serge GAINSBOURG a Swing gitan di Django REINHARDT reinterpretato con i testi originali di MADEMOISELLE, da C'est si bon d'Henri Betti a Les feuilles mortes d'Yves MONTANT, da Besame Mucho di Consuelo VELAZQUEZ a Le petit bonheure de Felix LECLERC, da La Promesse (uno dei brani di MADEMOISELLE, nel suo cd Café pour deux) a La vie en rose di Edith PIAF il cui bis a gran richiesta ha concluso, con la gremita platea in coro, uno degli eventi di qualità, più originali e di maggior successo dell'intera programmazione socio-culturale estiva di Rossano.

 Prima del concerto, Lenin MONTESANTO che ha presentato Marie Claude LEBEL (originaria del Quebec) in arte MADEMOISELLE ET SON ORCHESTRE ha chiesto di osservare un minuto di silenzio per le vittime del terremoto che ancora una volta, nei giorni scorsi, ha tragicamente colpito il centro Italia.

Complimenti unanimi a fine concerto per MADEMOISELLE che, per la sua terza volta in Calabria (a Capodanno del 1999 a Cariati e nel novembre 2015 al Castello Ducale di Corigliano).

Straordinaria anche la performance del gruppo (Luca MARINO al pianoforte, Fabio DE VINCENTI alla chitarra elettrica, Gilberto PARISE alla chitarra acustica, Renato PALMIERI al contrabbasso e Matteo BARLETTA alla batteria) e che ha incontrato MADEMOISELLE (venuta da PECHINO senza la sua orchestra!) per le prove e per la prima volta soltanto tre ore prima del concerto.

Ad impreziosire la bella atmosfera di ieri sera al San Bernardino, selezionate da Slow Food Pollino Sibaritide Arberia e curate da Luca SAMMARRO per la Fondazione Italiana Sommelier (Fis) sono state alcune delle eccellenze enogastronomiche del territorio: i vini delle Cantine VIOLA, di Giuseppe CALABRESE e di SENATORE Vini, ed il birrificio artigianale BLANDINO di Strongoli.


di Redazione | 29/08/2016

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno studio sociologia Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2023 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it