We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - Luca Fortino promuove l’iniziativa cinematografica, a scopo umanitario, “I Bambini hanno fame”


 “Poco occorre per salvare una vita: bastano meno di 27 centesimi al giorno…”: è questo il fulcro del messaggio che si è voluto e si vuole trasmettere con la lodevole iniziativa umanitaria “I bambini hanno fame” promossa dalla Filmakeritalia, e da subito sposata dall’Associazione socio-culturale rossanese “Ali libere”, che dal 2010 si impegna a diffondere la cultura cinematografica quale momento di aggregazione, diffusione di messaggi umanitari,  come momento educativo, valorizzazione delle tradizioni, dei luoghi e delle risorse di un paese. L’idea progettuale, nata per portare un aiuto concreto direttamente nel cuore dell’Africa, salvando almeno 100 bambini ogni anno da una sicura morte, proviene dal regista e sceneggiatore calabrese Luca Fortino ed è sviluppata dalla Filmakeritalia, in collaborazione con Cinecalabria. Un’iniziativa che piace all’associazione Ali Libere, presieduta da Patrizia Uva e coordinata dal fondatore Vincenzo Sapia e che nella Città di Rossano ha riscosso successo con la videoproiezione di tre cortometraggi, “L’isola che non c’è”, “Rebels” e “Silent Night”. Tre proiezioni che in pochi minuti narrano di temi importanti quali la criminalità, la disabilità e la solidarietà e che lo scorso Venerdì 19 Dicembre in città hanno visto trasformare la sala Rossa in un Cineforum con degli spettatori sensibili e attenti alle tematiche: i bambini. L’iniziativa, definita come “lodevole” dal Sindaco di Rossano Giuseppe Antonotti, e dunque patrocinata dal Comune di Rossano ed inserita nel cartellone natalizio della città, ha riscosso successo ed interesse tra gli alunni  delle quarte e quinte classi della scuola dell’infanzia di Via Gran Sasso e della prima e seconda della scuola secondaria L. Da Vinci del centro storico, che con un solo biglietto hanno potuto sia assistere alla visione di questi tre interessanti film sia aiutare dei bambini meno fortunati di loro. Infatti, il ricavato dei biglietti è stato interamente devoluto per il citato progetto umanitario. Tra i tre cortometraggi riteniamo di dover sottolineare e porre la lente d’ingrandimento su “Silent night”, perché girato nella nostra Città, e perché in esso compare la ormai nota al pubblico rossanese, e non solo, piccola attrice rossanese Denise Sapia al fianco di attori del calibro di Anna Falchi  e Danny Quinn, ospitati qualche mese fa in Città, nel corso della conferenza di presentazione.  Dalla stessa manifestazione poi è stata partorita una proposta, da parte di Vincenzo Sapia, che pare abbia suscitato l’approvazione e l’interesse delle istituzioni presenti (vedi video-interviste allegato al presente comunicato stampa): istituire una scuola di Formazione Cinematografica a Rossano a partire da questo nuovo anno per diffondere l’attività cinematografica quale attività di promozione turistica, di diffusione di messaggi umanitari, di valorizzazione di bellezze architettoniche e crescita culturale dei territori. 

di Redazione | 04/01/2015

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno studio sociologia Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it