We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Campli (Teramo) - Il 13 dicembre presentazione del libro di Nicolino Farina “Le Madonne di Terracotta di Nocella”


Riscoprire una scuola abruzzese di scultori figuli,oramai scomparsa dalla memoria collettiva, è un'operazione culturale che qualifica il territorio. Liberare dal manto dell'oblio e restituire alla storia uno straordinario fenomeno di arte popolare è quanto emerge per primo sfogliando le pagine di "Le Madonne in terracotta di Nocella – La scuola di scultura figula tra arte e devozione popolare", il libro di Nicolino Farina edito da Artemia Edizioni di Mosciano S. Angelo. L'autore, infatti, scrive: «L’idea di dedicare un libro alle statue votive in terracotta della scuola di Nocella è nata per far conoscere gli aspetti meno appariscenti e troppo spesso a torto ignorati, di un filone artistico dei “vasai” camplesi. Una tradizione artigianale figula che,con la produzione statuaria, è assurta a scuola artistica contribuendo a qualificare la valenza culturale e storica dell’intero territorio aprutino.Realizzare un censimento e una mappatura delle statue, veri capolavori di arte popolare dei maestri artigiani nocellesi, è già di per sé una ricerca utile a scoprire una scuola d’arte per troppo tempo ignorata in ambito culturale e sconosciuta agli stessi camplesi». Fin dal medioevo Nocella sviluppa un’importante produzione di terracotta, realizzando soprattutto rinomate stoviglie, fregi,decori e bassorilievi di utilizzo architettonico. Ma è solo con l’avvento della scuola, avviata dallo scultore Silvestro dell’Aquila, che a Nocella, tra la fine del XV e la prima metà del XVIII secolo, si comincia a sviluppare una produzione statuaria in terracotta. Numerose sono le statue che si possono contare nel circondario di Campli, ma anche tra i comuni di Teramo, Castelli,Civitella, Colledara, Controguerra, Corropoli, Crognaleto, Nereto, Rocca SantaMaria, Torano Nuovo, Tortoreto, Tossicia e Valle Castellana. La produzione artistica nocellese costituisce un raro esempio di artigianato pregiatissimo,realizzato con terra, acqua, fuoco, elevata tecnologia, ma soprattutto cong rande maestria artistica e creatività. La pubblicazione, individuando e catalogando tutte le statue attribuibili alla scuola di Nocella e ponendo particolare attenzione allo studio della tecnica realizzativa e del senso artistico, contribuisce a restituire alla collettività un importante tassello di storia teramana e abruzzese. Patrocinato del Vescovo di Teramo e Atri e dall'Istituto Abruzzese di Ricerche Storiche di Teramo, il libro ripercorre l’intero excursus dell’antica scuola figula del borgo camplese, approfondendo un argomento finora trattato solo marginalmente e nella realtà del tutto inedito, contribuendo a impreziosire il patrimonio ecclesiale della Diocesi, restituendo così alla teramanità, alla Regione e all'Italia uno spaccato d’arte abruzzese che testimonia una grande devozione popolare. Col patrocinio del Comune di Campli e del Circolo "Il Melatino", il libro sarà presentato a Nocella di Campli, sabato 13 dicembre 2014, presso la chiesa di Santa Maria del Carmelo, alle ore 18,00. Saranno Presenti: Leandro Di Donato – Istituto Abruzzese di Ricerche Storiche Pietro Quaresimale – Sindaco di Campli Don Adamo Varanesi – parroco della Cattedrale Santa Maia in Platea Luigi Pucci – Presidente Circolo "Il Melatino" Luisa Ferretti – esperta in comunicazione Nicolino Farina – autore della pubblicazione

di Redazione | 10/12/2014

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno studio sociologia Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2023 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it