We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rende (Cosenza) - Il 12 e 13 ottobre lo spettacolo teatrale “Ciao, Caterina”. Domani la presentazione in conferenza stampa


Domani, martedì 8 ottobre alle ore 11, nelle sede dell’Associazione culturale Alt-Art creazioni in corso in via Longeni 25/bis Arcavacata di Rende, si terrà la presentazione dello spettacolo teatrale “Ciao, Caterina” tratto dal testo di Tiziana Iaquinta e curato dall’attore Marco Paoli, L’associazione culturale Alt-Art propone una rivisitazione del testo “Ciao, Caterina. Lettera sulla soglia” della pedagogista calabrese Tiziana Iaquinta a cura dell’attore toscano Marco Paoli. L’intento è quello di promuovere, attraverso il linguaggio teatrale, un progetto umanitario e benefico con lo scopo di sostenere il cammino di ognuno di noi sulla paura dell’abbandono, inteso in ogni sua forma. Lo spettacolo, che andrà in scena al Teatro dell’Acquario il 12 ottobre alle 21:00 e in replica domenica 13 alle ore 18.00, sarà presentato nel corso di una conferenza stampa martedì 8 ottobre alle 11.00 presso la sede dell’Associazione culturale Alt-Art in via Longeni, 25 bis c/o Università della Calabria. A presentare l’incontro sarà Francesco Kostner, giornalista e responsabile relazioni esterne e comunicazione dell’Università della Calabria. La tranquillità di una famiglia viene sconvolta da un evento improvviso, scioccante e definitivo. Caterina, una figlia considerata il fulcro di una nuova ed entusiasmante felicità. Una donna, compagna e madre che nell’incontro con quello che sarebbe diventato prima il compagno “di una vita” e poi il padre della loro amata figlia, aveva “cambiato la sua esistenza”. Poi lui, che aveva imparato ad amare al di fuori degli schemi non senza fatica, ciò che aveva allontanato per molto tempo e che diventa il catalizzatore degli eventi. Una vita vissuta con consapevole e costante libertà. All’improvviso, l’equilibrio costruito si rompe irreparabilmente. Alla vigilia di un giorno di rinascita, l’enorme cuore di lui sussulta e, tra lo stupore e il dolore di chi lo ama, si ferma. Da questo tremendo e irreparabile strappo, nasce il testamento filosofico che Giuseppe, per mano dell’adorata compagna Tiziana, lascia alla figlia Caterina. Un libro intenso e sconvolgente, da cui nasce un monologo che utilizza il linguaggio teatrale amplificando e fissando in immagini e canzoni le emozioni raccontate da una penna lucida e poetica. La scena è scarna, costruita da luci che tagliano atmosfere dense. Il cuore, prima di smettere di battere, ha l’urgenza di comunicare amore e di trasmettere parole ed emozioni che possano riempire la vita di chi, suo malgrado, resta. Ciao, Caterina: musiche di Francesco Perrotta, voce di Vera Macchione; scene di Gino Veneruso; assistente alla regia Francesca Marchese; regia di Marco Paoli. Organizzazione, promozione e relazioni esterne Anna Infante, Nuccia Parisella e Stefania Lecce Parte dell’incasso dello spettacolo, per volere dell’organizzazione e, in particolar modo, di Tiziana Iaquinta, sarà devoluta all’associazione Ai confini del cielo Cosenza - Medjugorie.

di Redazione | 07/10/2013

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2022 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it