We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Udine (Udine) - Diritto all’ambiente, valore irrinunciabile per i bambini. Oltre 500 alunni hanno deciso di piantare 22 frassini nei giardini delle scuole coinvolte nel progetto“Diritti e Rovesci”


Aveva nove anni Felix Finkbeiner quando disse: “Pianterò un milione di alberi in Germania”. Oggi Felix di anni ne ha 14, il milione di alberi ha finito di piantarlo, ed insieme ad altri 22 bambini ha fondato l’associazione Plant for the Planet. Presente in oltre 131 Paesi, con il motto "Stop talking, start planting" (Basta parlare, inizia a piantare) l’obiettivo è quello di arrivare alla piantumazione di un trilione di nuove piante in dieci anni coinvolgendo piccoli ambasciatori di tutto il mondo. Una storia eccezionale quella di Felix che non ha lasciato indifferenti gli oltre 500 alunni delle scuole primarie di Udine, che proprio nei giorni scorsi, a conclusione del progetto “Diritti e Rovesci”, hanno deciso di piantare alcuni alberi nelle proprie scuole. L’iniziativa sulla promozione dei diritti umani, lo ricordiamo, è promossa dall’assessorato all’Istruzione del Comune di Udine, in collaborazione con Coop Consumatori Nordest e realizzata dalla Cooperativa Damatrà. Obiettivo dell’iniziativa era proprio quello di favorire, attraverso una riflessione maieutica sui diritti e la cittadinanza, la dimensione propositiva dell’infanzia e la cittadinanza attiva tra le nuove generazioni. Ma che cosa vogliono e non vogliono i bambini? Quali sono le loro attese rispetto al mondo che li circonda? “Molte sono le riflessioni emerse duranti i laboratori con i bambini nei confronti del mondo adulto – osserva Mara Fabro della Cooperativa Damatrà – ma, senza dubbio, tra questi uno dei più sentiti è la preoccupazione per l’ambiente, il desiderio a farsi protagonisti della sua salvaguardia e della sua tutela. Ed è così che i piccoli ambasciatori di Udine, aderendo all’appello di Felix, hanno deciso di piantare degli alberi con l’obiettivo di ricordare a tutti, piccoli, giovani e adulti che ‘senza alberi non c’è aria’, dando prova della loro responsabilità nella costruzione della collettività”. Ogni classe coinvolta nel percorso ha dunque messo a dimora nei giardini delle proprie scuole un albero. In tutto ventidue frassini gentilmente donati dal Comune di Rivignano impegnato da tempo in un progetto europeo di riforestazione delle specie autoctone. Si conclude così, per il secondo anno consecutivo, questo importante  laboratorio di cittadinanza che sarà testimoniato ed offerto a tutti i cittadini attraverso la realizzazione di un calendario che darà voce ai pensieri, alle parole e alle immagini dei piccoli cittadini emersi durante le attività. E, in tutto questo, hanno proprio ragione i bambini, “Stop talking, start palnting!”.

di Redazione | 09/04/2012

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2024 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it