We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Potenza (Potenza) - Il 23 marzo un convegno dell’Associazione “Liberascienza” su “Cultura e sviluppo: un dialogo aperto”


A seguito di numerosi spunti di riflessione, emersi nel panorama nazionale e internazionale, sul ruolo della cultura quale motore di sviluppo non solo sociale, ma anche economico e imprenditoriale, l'Associazione culturale “Liberascienza” ha organizzato, per il prossimo 23 marzo, alle ore 18, presso il Ridotto del Teatro Stabile a Potenza, un convegno/dibattito sul questo tema, invitando non solo i rappresentanti istituzionali (Assessori alla Cultura e alle Attività Produttive) sia della Provincia di Potenza che della Regione, ma anche rappresentanti del mondo imprenditoriale (Confindustria, Camera di Commercio) e culturale (Associazioni e Università) del nostro territorio. Liberascienza è una associazione che si propone di diffondere e promuovere il sapere in ogni sua forma ed espressione, tessendo insieme arte e scienza e cercando di stimolare ed ampliare il dibattito e la fruizione della cultura, considerata un valore fondante per la vita di individui e collettività, nonché una grande risorsa per losviluppo. Questo incontro-dibattito ha come perno il tema della Cultura quale possibile asse di sviluppo del sistema Paese ed in particolare della Regione Basilicata, anche in vista dell'approvazione della nuova legge sulla cultura in sostituzione dell'attuale L.R.22/88. Occorre, infatti, una vera rivoluzione copernicana: l'intera sfera della conoscenza e della ricerca deve tornare a essere determinante per il consolidamento di una sfera pubblica democratica, per la crescita reale e per la rinascita dell'occupazione. Perché ciò sia chiaro, il discorso deve farsi strettamente economico. Niente cultura, niente sviluppo. Dove per "cultura" deve intendersi una concezione allargata che implichi educazione, istruzione, ricerca scientifica, conoscenza, e per "sviluppo" non una nozione meramente economicistica del termine. A tale evento, è stato dato il simbolico nome di E=mc² dove, per similitudine con la famosissima equazione di Einstein, la E rappresenta l’economia, m la massa di fruitori e c la cultura che, in questa ottica, diventa il fattore determinante per la stessa sussistenza della eguaglianza non solo matematica, ma anche sociale.

di Redazione | 19/03/2012

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno studio sociologia Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2023 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it