We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Avellino (Avellino) - Oggi il convegno “Quale avvenire per le ferrovie minori?


Nell'ambito della mostra "Est locus Irpinia  Postunitaria", organizzata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dalla Soprintendenza Bap di Salerno e Avellino, diretta da Gennaro Miccio,  con la collaborazione della Soprintendenza Archeologica di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta, della Soprintendenza BSAE di Salerno e Avellino, Comune e  Provincia di Avellino e con la sponsorizzazione di: Calcestruzzi Irpini, De Vizia, Novolegno e Polisud,  oggi, venerdì 2 dicembre, alle ore 16.30, nella Sala Ripa del Carcere Borbonico in via Dalmazia ad  Avellino  si svolgerà un convegno  dal titolo:  Quale futuro per le ferrovie "minori"?   Coordina  Valentina Corvigno, Architetto, dottoranda in Conservazione dei Beni Architettonici e del Paesaggio  Introducono  Gennaro Miccio (nella foto), Soprintendente per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Salerno e Avellino Stella Casiello, Docente di restauro-Università UNINA  Relazionano   Albano Marcarini, Presidente Confederazione per la mobilità dolce Andrea Pane, Docente di restauro-Università UNINA  Anna Donati,  Assessore alla mobilità del Comune di Napoli Intervengono: Virgilio Caivano, Portavoce Rete Italia Piccoli Comuni:  Michele Marino, Presidente consorzio sviluppo sostenibile VALLE DELL'OFANTO Donato Tartaglia, Direttore museo etnografico di Aquilonia Saranno presenti anche studenti che hanno discusso la loro tesi di laurea sulla ferrovia Avellino-Rocchetta.

di Redazione | 02/12/2011

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno studio sociologia Spazio pubblicitario disponibile


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2023 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it