We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Pavia (Pavia) - Tecnologia aerospaziale e prestazioni degli aeromobili. Dal 5 al 9 settembre, la prima Summer School internazionale


Una Summer School internazionale dedicata alle più sofisticate prestazioni degli aerei e allo studio delle tecnologie più avanzate: è questo il progetto della prima "Summer School sulla fusione dei dati e calcolo ad alte prestazioni a bordo degli aeromobili", in programma dal 5 al 9 settembre presso la facoltà di Ingegneria dell’Università di Pavia.  Organizzata dal prof. Fabio Dell'Acqua del Dipartimento di Elettronica, e finanziata dall'Ateneo pavese, si propone di fornire agli studenti interessati alcuni elementi di base sui problemi relativi alla fusione di dati e calcolo ad alte prestazioni, che si incontrano tipicamente nei moderni aeromobili, i cui sensori sono in grado di fornire grandi quantità di dati di diverso tipo, che devono essere opportunamente trattati per essere trasformati in tempo reale in informazioni utili al pilota o alle stazioni di controllo al suolo. Ciò richiede da un lato di sviluppare efficaci strategie di fusione dei dati e dall'altro la loro attuazione a una velocità sufficiente a fornire risultati tempestivi. La settimana si aprirà il 5 settembre con un intervento di Michele Arra, "Innovation Project Coordinator" di AgustaWestland e Coordinatore del Nucleo Tecnico Scientifico del Distretto Aerospaziale Lombardo, che presenterà il Distretto e parlerà della sua visione strategica, con particolare riguardo alla Formazione. La scuola tratterà tre diversi possibili approcci al calcolo intensivo. Un primo approccio, piuttosto tradizionale, è quello che fa riferimento agli FPGA, dei quali si forniranno elementi sui linguaggi e sulla programmazione, con esercitazioni pratiche presso il laboratorio didattico di elettronica circuitale della prof. Carla Vacchi. Gli FPGA forniscono la soluzione più specifica, e generalmente anche più efficiente, al calcolo intensivo; ne parleranno il prof. Francesco Leporati e Bob Blake, un esperto aziendale di Altera Europe proveniente dalla sede di High Wycombe nel Buckinghamshire (UK). Un approccio più generale è dato dall'utilizzo delle GPU (Graphics Processing Units), nate per i calcoli grafici ma sempre più largamente utilizzate per altre applicazioni di calcolo intensivo; sono meno efficienti delle FPGA ma l'apprendimento della loro programmazione è molto più rapido; qui è previsto un intervento del prof. Antonio Plaza della Universidad de Extremadura, Spagna. Il terzo approccio, non strettamente collegato agli aeromobili, ma considerato sia per completezza di trattazione, sia perché visti i CV dei partecipanti e le loro domande esso pare suscitare un certo interesse, riguarda invece i sistemi di calcolo (processori paralleli e distribuiti). Su questo tema interverrà un relatore da ESRIN, la sede di Frascati (Roma) dell'Agenzia Spaziale Europa, che parlerà del sistema di calcolo distribuito G-POD, utilizzato per l'elaborazione delle grandi quantità di dati di Osservazione della Terra prodotti dai satelliti dell'Agenzia. E' previsto poi un intervento di Sergio Viola, consulente di Selex-Galileo, che parlerà dell'approccio di sistema alla fusione di dati in ambiente avionico. L'Osservazione della Terra conterà un intervento di inquadramento teorico e metodologico sulla Fusione di Dati da parte del prof. Gamba, mentre sulle applicazioni si avrà l'intervento della dott.ssa Gloria Bordogna dell'Istituto per le Dinamiche Ambientali del CNR di Dalmine (BG), che tratterà della fusione di dati telerilevati e GIS. Un esperto di Carlo Gavazzi Space presenterà invece una prospettiva industriale su tali applicazioni. La scuola prevede anche visite in azienda. La prima visita sarà alla Galieian Plus, ditta con sede a Roma, ma che ha trasferito una propria sede staccata a Pavia a seguito della collaborazione con il gruppo di ricerca sull'Osservazione della Terra presso il Dipartimento di Elettronica. Claudio Sparpaglione, l'esperto di Galileian Plus, parlerà del progetto SISMA che l'azienda ha svolto per l'Agenzia Spaziale Italiana sulla mappatura del rischio sismico nel paese. Esso combina dati satellitari ed in sito (Data Fusion) e li elabora con calcolatori ad alte prestazioni (High Performance Computing), risultando così un esempio di applicazione industriale perfettamente congruente al tema della scuola. La seconda visita sarà presso le strutture della AgustaWestland di Samarate (VA), specializzata nella produzione di elicotteri. Alla presentazione della struttura aziendale seguirà una trattazione delle applicazioni di elaborazioni di dati ad alte prestazioni a bordo degli elicotteri. Gli insegnanti assegneranno inoltre agli studenti degli esercizi basati sulle nozioni apprese presso la Scuola, utili per chiarire e fissare i concetti trattati; saranno facoltativi e riconosciuti a parte rispetto alla partecipazione alla scuola. E' previsto che gli allievi interessati possano tenere una presentazione sulle proprie attività, creando così un'occasione per la formazione di nuove collaborazioni tra i rispettivi gruppi di ricerca, oltre che con l’università di Pavia. Alla prima edizione della Summer School sono al momento iscritti 22 partecipanti: 13 italiani, 6 provenienti da diversi paesi europei, 3 israeliani, tutti provenienti da istituti di ricerca, agenzie spaziali e aziende del settore aerospaziale. La  International Summer School on Data Fusion and High Performance Computing onboard Aircrafts è stata ufficialmente sostenuta dal Distretto Aerospaziale Lombardo (DAL), che ha anche procurato i contatti con alcune delle aziende coinvolte. Al DAL, riconosciuto dalla Regione Lombardia con il protocollo d’intesa Regione-Ministero Istruzione, Università e Ricerca del 19 luglio 2010, tradotto poi nell’accordo di programma del 21 dicembre 2010, fanno riferimento 185 aziende con un totale di 14.500 dipendenti e un fatturato annuo complessivo di 3,8 miliardi di Euro. Tra queste si contano grandi aziende come AgustaWestland, Aerea, Aermacchi, Secondo Mona, Selex-Galileo. L'organizzazione della Scuola è curata dal prof. Fabio Dell'Acqua, che ha commentato: "Sono felice del positivo riscontro di iscrizioni che questa iniziativa ha avuto, e della fruttuosa collaborazione con il Distretto Aerospaziale. Quando è uscito il bando, ne ho subito messo al corrente la Segreteria ed il Nucleo Tecnico Scientifico del Distretto, per tramite dei quali ho avuto immediato accesso ad alcune delle principali aziende ed ho potuto quindi raccogliere i desiderata. E' subito emerso un particolare interesse per la fusione di dati eterogenei, a cui si è aggiunto il calcolo ad alte prestazioni. Senza il collegamento con il Distretto non sarebbe stato possibile orientare così rapidamente la scelta e farne partire prontamente l'organizzazione, che è piuttosto complessa; chiunque si sia occupato di mettere insieme iniziative didattiche analoghe lo sa bene. Spero che gli sforzi profusi nell'organizzazione della Scuola siano premiati dalla soddisfazione dei partecipanti, e che l'auspicata soddisfazione si traduca in un passaparola a favore di eventuali edizioni successive. L'idea è infatti quella di imparare dall'esperienza di quest'anno per riproporre l'anno prossimo un'edizione aggiornata alle esigenze del momento, con la prospettiva di istituire un appuntamento fisso da offrire alla clientela aziendale." Ha poi aggiunto: "Mi fa piacere anche poter creare un'occasione per portare i temi aerospaziali all'attenzione del pubblico. E' purtroppo poco risaputo, ma l'aerospaziale è un settore per il quale la crisi è stata molto meno sentita che altrove (fonte: elaborazioni Comitato Promotore del Distretto Aerospaziale Lombardo su dati Istat), e secondo una recente ricerca dello SPIE (The International Society for Optics and Photonics, www.spie.org) intitolata "2011 Optics and Photonics Global Earnings Report", esso garantisce stipendi mediamente più alti. Un settore sul quale conviene senz'altro puntare, a mio avviso, e che nella nostra regione vanta presenze industriali e di ricerca significative. Il prof. Paolo Gamba, avviando qualche anno fa un gruppo di ricerca su questi temi nel nostro Dipartimento, ha fatto decisamente una scelta lungimirante".

di Redazione | 31/08/2011

Pubblicità

Nuovo libro Francesco Russo (autore) Sulle sponde opposte del fiume bcc mediocrati x50 vendesi tavolo da disegno studio sociologia


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2021 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it