We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - Archivio Amarelli, inaugurata mostra


Un pubblico numeroso e qualificato proveniente da molti centri della provincia di Cosenza ha reso il giusto riconoscimento alla prima delle iniziative programmate dal Museo della Liquirizia “Giorgio Amarelli” per l’estate 2011. Con la prima, presenti autorità militari, religiose e civili e rappresentanti di numerose associazioni culturali cittadine, si è vissuto  un evento che certamente entrerà nella storia di Rossano: l’inaugurazione della Mostra documentaria dal titolo “l’Archivio Amarelli e la nascita dello Stato unitario”. A fare gli onori di casa Pina Amarelli che ha ringraziato il direttore generale Luciano Scala, il soprintendente Archivistico Franesca Tripodi e il direttore dell’Archivio di Stato Maria Letiziaa Fazio per aver consentito il riordinamento del prezioso complesso documentario afferente ad un casato la cui storia si intreccia con la storia civile e religiosa della città, appunto gli Amarelli, come ribadito dal sindaco Giuseppe Antoniotti e dall’Arcivescovo mons. Santo Marcianò. Il presule, nel rammentare che l’Italia è una e indivisa, ha evidenziato che la Chiesa si incontra con il Paese. Mons. Franco Milito, sulla scia dell’Arcivescovo, che sta consentendo la valorizzazione dell’Archivio Storico Diocesano da lui diretto, ha lanciato un messaggio forte: oggi più che mai c’è bisogno di cultura e di un rapporto stretto fra proprietari di archivi, di complementarietà per valorizzare un patrimonio come da oltre 25 anni sta facendo il Ministero per i Beni e le Attività Culturali. E proprio su questo punto l’archivista di Stato Direttore Pier Emilio Acri ha tracciato un quadro completo sugli interventi posti in essere a Rossano e a Corigliano dalla Soprintendenza Archivistica per la Calabria e dall’Archivio di Stato di Cosenza, che attraverso i suoi funzionari, ha fatto sì che i due grossi centri oggi abbiano archivi pubblici, privati ed ecclesiastici ordinati e inventariati, custoditi e fruibili. Un successo che si completa con l’archivio Amarelli che attraverso la Mostra sull’Unità d’Italia ha dato un saggio della sua importanza quali-quantitativa e che presto verrà messo a disposizione degli studiosi per aprire nuove finestre sulla storia di Rossano e del suo territorio. La mostra, fin dalla sua inaugurazione è stata visitata e apprezzata da centinaia di persone che sono state messe a tu per tu con due figure eccezionali: Vincenzo Amarelli, il professore di Luigi Settembrini, e Fortunato Amarelli, il Sindaco di Rossano nel periodo 1860-1864, e arricchisce un itinerario che parte dal Museo della Liquirizia “Giorgio Amarelli” ed entra nella prestigiosa fabbrica onore e vanto di una Calabria industriosa.

di Redazione | 01/08/2011

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it