We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Altomonte (Cosenza) - Festival Euromediterraneo, il Premio Altomonte apre la kermesse


La VII edizione del Festival Euromediterraneo debutterà domenica 24 luglio, alle ore 21, con una grande novità: “Il Premio Altomonte una vita per la cultura”. Al suo attivo l’amministrazione comunale di Altomonte ha un festival longevo, ben 24 edizioni, e di grande qualità. “è per questo che abbiamo deciso di istituire un premio -  afferma il Sindaco Gianpietro Coppola – per rendere omaggio ad illustri personalità che operano da tempo in Calabria per la promozione della cultura”. Una serata d’onore che mira a sensibilizzare e far riflettere su quanto sia determinante per la nostra regione investire in cultura e in progetti validi. Una serata piena di sorprese, così promettono gli organizzatori. Sul palco dell’anfiteatro cittadino si alterneranno grandi artisti del panorama nazionale. Protagonisti: Giorgio Albertazzi, Massimo Ghini, Eleonora Giorgi, Ricky Tognazzi, Simona Izzo, Raffaele Paganini e il contributo sul tema “Cultura e pace nel Mediterraneo” della cantante Nòa. A condurre l’attrice Nathalie Caldonazzo.   Un grande esordio che aprirà ufficialmente il cartellone 2011, diretto da Enrico Provenzano. Il giorno dopo, lunedì 25 luglio, alle ore 21, torna sul palco dell’anfiteatro l’affascinante interprete israeliana Nòa.  Altomonte sarà tappa del suo tour estivo, il suo nuovo album “Noapolis”, è tutto dedicato alla grande canzone napoletana. Il suo canto mescola armoniosamente jazz, rock americano e suggestioni mediorientali, superando tutte le frontiere culturali. Un concerto che rende omaggio all’Italia e alla canzone partenopea in particolare. Con Nòa sul palcoscenico ci saranno il suo fedelissimo chitarrista Gil Dor e i Solis String Quartet.         Martedì  26 luglio, alle ore 21, sarà la volta del teatro. Ad Altomonte arriva il celebre giornalista Corrado Augias. Corrispondente da New York e Parigi per La Repubblica e per l’Espresso. Scrittore, giallista, autore di programmi televisivi di successo come “Telefono giallo” e “Babele”, dedicato interamente ai libri. Conduce, da diverse stagioni, su RaiTre la striscia “Le Storie - diario italiano”, un approfondimento culturale quotidiano, sugli argomenti più disparati, dalla musica, alla letteratura, dalla storia recente, alle arti figurative. Torna in teatro dopo “ Le fiamme e la ragione” (2008) e “Raccontare Chopin” (2010) con un nuovo spettacolo: “Leopardi e l’Italia”. Scritto e interpretato da Corrado Augias, il testo getta una luce sul pensiero del celebre poeta, in particolar modo sulla sua visione politica dell’Italia. Corrado Augias costruisce un’opera capace di  restituirci un ritratto sorprendente di Leopardi, il suo rapporto con l’Italia, con la vita, con gli amori. Il senso forte di un’immaginazione che fu per molti anni la sua sola vera realtà. Ad accompagnare gli spettatori in questo viaggio dentro una delle mente più brillanti e vive di tutti i tempi, le arie e romanze da camera, originali del tempo, eseguite da Stefano Albarello. Il musicista proporrà uno spaccato realistico di quello che si ascoltava nelle case “patrizie” della prima metà dell’800. Brani che spaziano da Rossini a Donizetti cantati e suonati con chitarra, com’era in voga all’epoca e che hanno, probabilmente, influenzato il “labor limae” di Leopardi.

di Redazione | 21/07/2011

Pubblicità

Affittasi appartamento Via Nazionale (banner 300x170) vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2021 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it